Dai computer alle lavatrici: i militari russi fanno razzia in Ucraina e poi rivendono in patria gli oggetti rubati

I beni saccheggiati vengono portati in una città al confine con la Bielorussia e poi spediti in patria tramite il servizio di consegna espresso Sdek

Soldati russi in Ucraina
Soldati russi in Ucraina (Foto Ansa)
TiscaliNews

Elettronica, vestiti, scarpe, cosmetici, ma anche lavatrici. I soldati russi in ritirata dalla regione di Kiev si lasciano dietro atrocità indicibili, morte e distruzione ma si portano dietro tutto ciò che trovano nelle case che degli ucraini che hanno ucciso o di quelli che hanno dovuto andare via in tutta fretta per salvarsi la vita. La denuncia arriva dal portavoce del ministero degli Esteri ucraino, Oleg Nikolenko che su su Twitter aggiunge “Questo non è un esercito. Questa è una vergogna. Non dimenticheremo mai e non perdoneremo mai". Anche il giornale Ukrayinska Pravda conferma le razzie e scrive anche che i soldati mandano la merce in una città al confine con la Bielorussia , per poi spedire gli oggetti rubati in patria tramite il servizio di consegna espresso Sdek.

I beni saccheggiati spediti in Russia

I militari russi hanno aperto un mercato nella città di Narovlya (Bielorussia dove vendono tutto ciò che è stato saccheggiato ai cittadini ucraini durante l’occupazione: lavatrici, lavastoviglie, frigoriferi, gioielli costosi, veicoli, piatti, tappeti, opere d’arte, giocattoli per bambini e cosmetici . Secondo i media ucraini una colonna di furgoni con la merce rubata si starebbe dirigendo inoltre verso la regione di Sumy. A Mosyr, in Bielorussia, ci sono molti furgoni russi Kamaz con oggetti rubati in procinto di partire per la Russia tramite lo spedizioniere Sdek. Secondo quanto riporta Il Messaggero, decine di carri pieni di merce sono stati avvistati nella cittadina ucraina di Buryn, al confine con la Russia. Gli oggetti più grandi vengono inviati al bazar Narovlya , il resto giunge in Russia.

L’intercettazione

L’intercettazione della telefonata tra il militare russo Andrej e la moglie è stata pubblicata dai media ucraini. "Ci sono scarpe da ginnastica da donna. Beh, sono New Balance, sono di marca, tutto qui lo è. Misura 38. Sono assolutamente fantastiche", afferma il soldato che spiega alla donna: "Tutto viene portato via dai militari in buste piene "; "se riesco prendo un laptop". La moglie lo incita: "Beh, pensaci, Sofia sta andando a scuola, anche lei avrà bisogno di un computer. Bene, prendi tutto . Anche le magliette sono utili". Andrej descrive la casa, bellissima e "ricoperta di pietra". La moglie ribatte "Come vivevano vero? E come viviamo noi. E' per questo che combattono".