Polemica Ravello Festival, stop di De Luca a Saviano (e Speranza)

Polemica Ravello Festival, stop di De Luca a Saviano (e Speranza)
di Askanews

Roma, 19 giu. (askanews) - Accesa polemica via social sul Ravello Festival tra il governatore della Campania Vincenzo De Luca e lo scrittore Roberto Saviano, risultato ospite "non gradito" della Regione Campania, scelta che ha spinto il presidente della Fondazione, che organizza il Festival, l'intellettuale Antonio Scurati alle dimissioni.Nel corso della consueta conferenza stampa su Facebook del venerdì sera, il governatore campano è intervenuto sulla questione: "Partono le iniziative di festival un po' dappertutto c'è qualche discussione da qualche parte le indicazioni che vanno rispettate in generale quelle che dà la Regione sono molto semplici: le iniziative che si mettono in piedi devono essere coerenti con la natura dei festival che si fanno o delle fondazioni".L'autore gli ha risposto con un video ironico postato su Twitter: "Ho immaginato il presidente De Luca che riceve l'elenco degli ospiti del Festival di Ravello e vede il mio nome comparire negli ultimi giorni d'agosto 'ah e qui ci sta Roberto Saviano e come s'è permesso, come si è permesso Scurati di invitarlo a casa mia Roberto Saviano. Non esiste proprio, va cancellato, non è in coerenza con l'indirizzo dato dalle Fondazioni (...) Don Vicié arripigliateve tutt chell che è o vuost. Non tenete pensiero non ci sarò...".In un tweet il segretario del Pd, Enrico Letta, ha invitato Roberto Saviano e Antonio Scurati "alla prossima Festa Nazionale del Pd. Invito permanente"."Stima ancora più forte nei confronti di Antonio Scurati per la sua scelta di dignità e libertà. E un abbraccio ancora più forte a Roberto Saviano, che oltre ad avere come nemici giurati i camorristi, deve pure subire l'ostracismo del massimo esponente del Pd della Campania che si comporta come un satrapo qualunque", ha scritto su Twitter il segretario nazionale di Sinistra italiana Nicola Fratoianni.Tra gli ospiti "depennati" dalla Regione Campania ci sarebbe anche il ministro della Salute Roberto Speranza.