Tiscali.it
SEGUICI

Olanda, chi è Geert Wilders: il "Mozart" dell'ultradestra vince le elezioni e spaventa l'Ue

Rappresenta lo spauracchio principale per l'Unione Europea, tanto che il candidato europeista Frans Timmermans aveva chiesto agli olandesi indecisi di andare a votare soprattutto per arginarne l'ascesa

Stefano Loffredodi Stefano Loffredo   
Olanda, chi è Geert Wilders:  il 'Mozart' dell'ultradestra vince le elezioni e spaventa l'Ue
Geert Wilders al seggio (Ansa)

Geert Wilders vince le elezioni 2023 in Olanda con il Pvv, la destra punta al governo e il 'Mozart' populista spaventa l'Ue. Leader di una forza populista di estrema destra, nelle ultime settimane ha recuperato quasi 10 punti percentuali sui suoi avversari "dominando" i dibattiti televisivi. Wilders, il cui manifesto chiede lo "stop" all'asilo e il divieto di "scuole islamiche, Corano e moschee". Wilders, 60 anni, rappresenta lo spauracchio principale per l'Unione Europea, tanto che il candidato europeista Frans Timmermans aveva chiesto agli olandesi indecisi di andare a votare soprattutto per arginarne l'ascesa.

Soprannominato "Mozart" per la sua appariscente chioma bionda, amico di Marine Le Pen e Matteo Salvini e ammiratore di Oriana Fallaci (che ha definito il suo "idolo"), Wilders si dichiara antifascista, filosemita, antislamista e anticomunista. Il leader del Pvv è stato a lungo un punto fermo della politica olandese, e da mesi "vive" insieme alle guardie del corpo che il governo gli ha fornito dopo aver ricevuto minacce di morte per la sua campagna per la messa al bando del Corano.

Contrario all'invio di armi all'Ucraina e fortemente filoisraeliano, nel programma elettorale del Pvv ci sono diverse battaglie "storiche" di Wilders: la riduzione dell’età pensionabile, l'Iva allo 0% sugli alimenti e l’abolizione della franchigia nella sanità. Il leader del Pvv non ha mai escluso la possibilità di finanziare i suoi piani con i fondi destinati alle misure sul clima e l’azoto. Wilders vorrebbe anche tagli alle sovvenzioni per la cultura, alla cooperazione allo sviluppo, e ai fondi destinati all'Ue.

 "Il Pvv è il partito più grande", ha subito esultato il leader dell'estrema destra, chiarendo che la sua formazione "non può più essere ignorata" e scandendo, determinato: "Governeremo". Alfiere della Nexit, l'uscita dei Paesi bassi dall'Ue, nelle ultime ore Wilders - che da oltre quindici anni vive sotto scorta - aveva risalito la china di tutti i sondaggi continuando imperterrito nei suoi messaggi contro l'accoglienza dei migranti. "Dobbiamo dirlo: qui non si può entrare!", era stato uno dei passaggi dell'ultimo dibattito televisivo in cui aveva colto l'occasione per rilanciare le sue richieste di "frontiere chiuse e zero richiedenti asilo" e "alloggi per gli olandesi".

Tentare l'assalto allo scranno più alto del governo non sarà tuttavia impresa semplice nemmeno a vittoria in tasca. Pur allineata a Wilders nella volontà di limitare i flussi, la ministra della Giustizia uscente Yesilgoz alla vigilia del voto aveva escluso l'ipotesi di sostenerlo nelle vesti di premier. La sua figura divisiva, era stato il monito dell'ex bambina rifugiata, non farebbe bene al Paese nemmeno sulla scena internazionale. Nulle le possibilità di collaborazione invece con Omtzigt e Timmermans. Il rebus resta intricato: l'ultima volta, per trovare la quadra, a Mark Rutte servirono 271 giorni.

 
Wilders è destinato a condurre in prima persona le trattative e di ridisegnare la scena politica dei Paesi Bassi. Nell'iter per la formazione di un nuovo esecutivo, potrebbe negoziare un accordo con il centro-destra di Dilan Yesilgoz.
 

Stefano Loffredodi Stefano Loffredo   

I più recenti

Ucraina, Polonia: favoriremo rimpatrio uomini in età militare
Ucraina, Polonia: favoriremo rimpatrio uomini in età militare
Blinken: 'Usa e Cina gestiscano loro relazioni responsabilmente'
Blinken: 'Usa e Cina gestiscano loro relazioni responsabilmente'
Allarme di Berlino sulle 'armi che Mosca sta producendo in più'
Allarme di Berlino sulle 'armi che Mosca sta producendo in più'
Russia, arrestato in contumacia il campione di scacchi Kasparov
Russia, arrestato in contumacia il campione di scacchi Kasparov

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...