Tiscali.it
SEGUICI

Nomine Ue, c'è l'accordo sui nomi: da Von Der Leyen a Kallas e Costa. Non c'è Enrico Letta, ma Meloni chiama Fitto

Interlocuzioni tra i capi di Stato e di governo dei maggiori Paesi Ue hanno portato a un accordo. La destra di Edr esclusa dalla "maggioranza Ursula". Il governo italiano ambisce a un ministero di peso

Antonella A. G. Loidi An. Loi   
Ursula Von Der Leyen e Metzola (Ansa)
Ursula Von Der Leyen e Metzola (Ansa)

Le grandi famiglie politiche dell'Ue, popolari, socialisti e liberali hanno trovato la quadra sui nomi. Nel corso del Consiglio dell'Unione europea previsto per il 27-28 giugno a Bruxelles i nomi che verranno fatti saranno quelli già emersi nel corso del Consiglio informale svoltosi la settimana scorsa e che ben esprimono gli equilibri politici, anche a fronte della rappresentanza nell'Europarlamento. Ursula Von Der Leyen (Ppe) ipoteca quindi il secondo mandato, l’ex premier portoghese Antonio Costa (S&D) si dirige verso la presidenza del Consiglio europeo, al posto di Michel, e la premier estone, Kaja Kallas, dei Liberali, sarà l'Alta Rappresentante per la politica estera, ossia ministra degli Esteri dell’Unione.

Questi nomi dovranno ora passare al vaglio del Consiglio e sono frutto di un accorrdo tra i socialisti - tra cui il tedesco Scholtz e lo spagnolo Sanchez - i liberali, dove si annovera Macron ma anche l'olandese Rutte, e i popolari, i cui esponenti di punta sono il polacco Tusk e il greco Mitsotakis. A fare l'anticipazione dell'accordo ritrovato sono la Frankfurter Allgemeine Zeitung e l'agenzia tedesca Dpa che citano persone informate vicine alle trattative.

I prossimi passi 

I passi successivi sono scritti: se l'accordo soddisfa tutti verrà portato sul tavolo del Consiglio che voterà la proposta. Perché il pacchetto regga serve il voto di almeno 15 Stati su 27, purché siano abbastanza popolosi da rappresentare il 65% dei cittadini dell'Ue. Lo stesso il presidente del Ppe Manfred Weber, pochi giorni fa, aveva scritto sui social che sui nomi non si arretra: "Forte unità e ottimo scambio con von Der Leyen e Metsola. La vittoria elettorale, guidata dai nostri contenuti e da personalità convincenti, ci conferisce un mandato forte". Giochi fatti insomma. 

Sarà però il Parlamento europeo a mettere il sigillo sull'elezione della presidente della Commissione, calendarizzato a luglio. Il pacchetto prevede anche l'elezione della presidente della Camera, Roberta Metzola, figura apprezzata a livello politico, la cui riconferma è data per scontata. Ed è qui che si giocherà sui numeri. La maggioranza che serve a von Der Leyen - esattamente come 5 anni fa, la "maggioranza Ursula" - è di 361 voti, per ora una soglia incerta. Facendo i conti della serva la presidente uscente dovrebbe contare su circa 400 voti su 720 deputati. Elezione blindata, senza necessità dei voti del gruppo della destra meloniana (Ecr) o dei Verdi, con in quali resta aperta un'interlocuzione. E' possibilie però che possa essere chiesta loro una sorta di appoggio esterno, in funzione anti franchi tiratori. Per ora sembra assodato che se Meloni verrà consultata dalla presidente in pectore lo sarà solo come capa del governo italiano. La comunicazione ufficiale dal Ppe potrebbe a Roma arrivare già oggi, dicono le fonti di stampa tedesche.

Non si è fatto invece il nome di Enrico Letta, indicato come possibile secondo nella staffetta alla presidenza del Consiglio dell'Ue con Antonio Costa, che quindi potrebbe svolgere il suo mandato per 5 anni. A questo punto l'Italia potrebbe ambire a un ministero di peso: Meloni ha in nuce la candidatura di Raffaele Fitto, anche come vicepremier. Ma si erano fatti altri nomi, come quello della capa della delegazione dei negoziatori per il G7, Elisabetta Belloni. 

Antonella A. G. Loidi An. Loi   
I più recenti
Biden, mi sono ritirato per difendere la democrazia
Biden, mi sono ritirato per difendere la democrazia
Usa difendono l'Unrwa, 'non è un gruppo terroristico'
Usa difendono l'Unrwa, 'non è un gruppo terroristico'
Biden: Difesa nostra democrazia più importante di qualsiasi titolo
Biden: Difesa nostra democrazia più importante di qualsiasi titolo
Biden: Ho passato testimone a nuova generazione per unire Paese
Biden: Ho passato testimone a nuova generazione per unire Paese
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...