Nike lascia per sempre mercato russo, non riaprirà i negozi mai più

Non solo Ikea ,McDonald’, Apple e Ferrari. Dopo l’invasione dell’Ucraina anche il colosso dello sportswear statunitense ha deciso di abbandonare le città russe.

Nike
Nike (Foto Ansa)
TiscaliNews

Non solo Ikea, McDonald’s, Apple e Ferrari. Tra le aziende che dopo l’invasione dell’Ucraina hano deciso di abbandonare la Russia c’è anche la Nike. Il marchio di abbigliameto sportivo lascia definitivamente il mercato russo e non riaprirà i suoi negozi. E’ quanto fa sapere lo stesso colosso dello sportswear statunitense.

La decisione della Nike

Dopo aver sospeso le sue attività in marzo, la Nike annuncia la sua decisione:"La nostra priorità è sostenere i nostri dipendenti mentre in modo responsabile ridurremo le nostre attività nel paese nei prossimi mesi", ha affermato Nike in una nota.

La Russia sempre piu lontana dall’Occidente

L'uscita di Nike dalla Russia non gioca solo a sfavore dell’economia, ma segna un altro passo in allontanamento del Paese dall'Occidente. Dai marchi della moda, del lusso e del fast-food , era stato proprio l'arrivo delle multinazionali ad avvicinare i due mondi, che fino agli anni Ottanta sembravano inconciliabili. Ma l'invasione dell'Ucraina da parte di Putin ha fatto si che il Paese governato tornasse indietro di decenni.