Tiscali.it
SEGUICI

Nessuno ha firmato l’accordo sulla Libia di Berlino. La produzione di petrolio è bloccata

Non ci sono le firme di Sarraj e Haftar. Le parti hanno raggiunto solo un accordo verbale

Alberto Negridi Alberto Negri   
Sarraj e Haftar (Ansa)
Sarraj e Haftar (Ansa)

Sull’accordo di Berlino non ci sono le firme di Sarraj e Haftar (che c’era ma non ha partecipato ai lavori come ammesso da Conte). Le parti hanno raggiunto solo un accordo verbale, mediato, sul monitoraggio della tregua. Questo è l’unico passo avanti, il resto sono chiacchiere di vanesi personaggi politici che coprono l’enorme difficoltà a raggiungere un’intesa politica. In primo luogo sull’embargo delle armi che non si capisce neppure chi lo dovrebbe far rispettare. Non c’è un’intessa neppure su una futura missione militare internazionale per separare le parti in conflitto.

Tentativo mediatico

Ma c’è un grande interesse da parte dell’Europa, dell’Onu e della cancelliera tedesca Merkel a far passare quanto avvenuto a Berlino come una svolta epocale nel conflitto libico. Si tratta in realtà di un tentativo assai mediatico per coprire la realtà dei fatti: la tregua era stata già raggiunta dalla Russia di Putin e dalla Turchia di Erdogan. Berlino ha espresso degli auspici sul futuro prossimo della Libia che somigliano più a tenui speranze che a reali possibilità di intesa tra Tripolitania e Cirenaica.

Influenze straniere

Inoltre le influenze straniere invece di ridursi, come auspicato dall’Onu, a Berlino sono venute fuori con tremendi liti tra la Turchia che sponsorizza Sarraj, da una parte, e dell’altra Egitto ed Emirati arabi che sostengono il generale Khalifa Haftar.

Berlino, accordo sulla Libia (Ansa)

A Tripoli si combatte ancora

Mentre era in corso la conferenza di Berlino a Tripoli proseguivano i combattimenti, anche se in scala ridotta, tra gruppi armati rivali, mentre la produzione di petrolio _ unico risorsa nazionale _ è stata praticamente azzerata.

Ci sono stati scontri lungo la strada dell’aeroporto internazionale di Tripoli, lo scalo aereo in disuso dal 2014 e situato nella parte meridionale della capitale libica, nonostante la tregua sostanziale in vigore dallo scorso 12 gennaio. Le forze del Governo di accordo nazionale (Gna) hanno aperto il fuoco contro un veicolo militare dell’Esercito nazionale libico (Lna) lungo Al Khalatat Street, controllata dall’Lna”. Gli uomini fedeli al generale Khalifa Haftar hanno risposto con un colpo di mortaio che ha colpito un’unità di stoccaggio di petrolio dove sono di stanza le unità del Gna” del premier Fayez al Sarraj.

Haftar chiude il petrolio

Haftar intanto ha chiuso i terminali di esportazione del greggio nella Sirte mentre il movimento di protesta “Rabbia del Fezzan” del sud della Libia ha rivendicato poco fa la chiusura dei giacimenti petroliferi di Sharara ed El Feel dove opera l’Eni. Si tratta di un nuovo, duro colpo per l’industria petrolifera della Libia dopo la chiusura degli altri giacimenti e porti petroliferi nella Libia centrale e orientale, che avevano causato uno stop di almeno 800 mila barili di petrolio al giorno. Mustafa Omar, capo del sindacato dei lavoratori nel giacimento petrolifero di Sharara che si trova a circa 200 chilometri a ovest di Sebha, ha confermato la chiusura degli impianti nella zona di Al Riyayna e la città di Zintan. L’impianto è gestito dalla joint venture Akakus, che riunisce la libica Noc, la spagnola Repsol, la francese Total, l’austriaca Omv e la norvegese Statoil e produceva circa 300 mila barili di petrolio al giorno prima di essere fermat. Il vicino giacimento di El Feel è invece gestito dalla Mellitah Oil and Gas, una joint venture tra la Noc e la compagnia italiana Eni.

Alberto Negridi Alberto Negri   
I più recenti
Trump a Detroit per corteggiare gli elettori afroamericani
Trump a Detroit per corteggiare gli elettori afroamericani
Francia: sospesi i negoziati per Fronte popolare della gauche
Francia: sospesi i negoziati per Fronte popolare della gauche
Gb si allinea agli Usa e sanziona la Borsa di Mosca
Gb si allinea agli Usa e sanziona la Borsa di Mosca
Nella bozza finale del G7 non c'è la parola aborto
Nella bozza finale del G7 non c'è la parola aborto
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...