Tiscali.it
SEGUICI

"Morte improvvisa", sparisce il corpo di Navalny. I suoi: "Mosca mente, omicidio pianificato". Quasi 400 fermi

Commozione in tutta la Russia per la morte del dissidente in un carcere artico. Il diplomatico accreditato negli Usa ammonisce: "Non interferite nelle nostre questioni interne"

TiscaliNews   

"Un omicidio pianificato", altro che "morte improvvisa" come sembra Mosca voglia liquidarla: il team di Alexei Navalny non ha dubbi che l'oppositore sia stato deliberatamente ucciso e accusa le autorità di non volere riconsegnare il corpo alla famiglia per "nascondere le tracce" del delitto. Il tutto mentre centinaia di russi sono scesi in piazza in decine di città per rendere omaggio al dissidente scomparso e la polizia ha fermato quasi 400 persone. Il lungo viaggio notturno intrapreso dalla madre di Navalny e dal suo avvocato verso il distretto artico di Yamalo-Nenets, dove sorge la colonia penale IK-3 in cui era rinchiuso, non ha fruttato notizie certe, a parte la conferma della morte, comunicata ufficialmente alla donna. Dal momento del loro arrivo nella regione, anzi, il viaggio si è trasformato in un'odissea, con il susseguirsi di notizie contraddittorie.

Il giallo della salma sparita

Dalla città di Salekhard, dove sono atterrati, la madre di Navalny e il legale hanno raggiunto il carcere, distante 50 chilometri. Qui, ha fatto sapere la portavoce dell'oppositore, Kira Yarmysh, hanno dovuto aspettare due ore prima che un funzionario uscisse per dire loro che il corpo era stato portato in un obitorio a Salekhard, a disposizione del Comitato investigativo, che sta conducendo l'inchiesta. Tornati a Salekhard, i due hanno trovato la morgue chiusa, e alla richiesta di notizie ad un numero telefonico affisso alla porta qualcuno ha risposto che la salma non si trovava là. Ivan Zhdanov, dirigente della Fondazione anticorruzione di Navalny, ha riferito che però già alla colonia penale alla madre qualcuno aveva detto che Navalny era deceduto per una "sindrome da morte improvvisa". Mentre all'avvocato, aggiunge il team di Navalny, è stato detto che "la causa della morte non è stata stabilita" e che la salma sarà trattenuta fino alla fine dell'inchiesta. Ovvero fino almeno alla settimana prossima, quando dovrebbero esserci i risultati degli esami istologici.

"Omicidio pianificato"

La conclusione di Kira Yarmysh è netta: "Non c'è alcun dubbio - ha affermato la portavoce - che l'omicidio era stato pianificato. Ora chiediamo che il corpo di Navalny sia consegnato alla famiglia, e facciamo appello a tutti perché lo chiedano con noi. Questa è la cosa più importante che possiamo fare". Un altro appello, lanciato da Yarmysh in un'intervista alla testata indipendente Dozhd, riguarda il futuro del movimento. "La cosa più importante - ha affermato - è continuare a lavorare. Non è scomparsa la nostra convinzione che la bella Russia del futuro verrà". In decine di città russe è continuato intanto il pellegrinaggio agli improvvisati memoriali a Navalny. Una fila ha cominciato a formarsi di prima mattina a Mosca davanti alla Lubyanka, l'ex sede del Kgb sovietico e ora dei servizi di sicurezza Fsb, per deporre fiori sulla Pietra Solovetsky, che ricorda le vittime della repressione durante l'Unione Sovietica. La polizia si è limitata a sorvegliare la situazione senza intervenire, invitando solo le persone a non sostare a lungo. Una quindicina di persone, ha reso noto l'ong Ovd-Info, sono invece state fermate davanti ad un altro monumento della capitale che ricorda le vittime ai tempi dell'Urss, il cosiddetto Muro del cordoglio.

359 persone sono state fermate in 32 città

Gli agenti sono intervenuti quando dalla gente che si era radunata si è alzato il coro di "vergogna, vergogna". Ma poi la situazione è tornata tranquilla e l'omaggio ha potuto continuare. In serata Ovd-Info, che tutela i diritti dei cittadini incarcerati, ha detto che 359 persone sono state fermate in 32 città, di cui almeno 120 sono state successivamente rilasciate. Intanto, mentre la Cina si è astenuta dal commentare l'accaduto, giudicandolo "un affare interno della Russia", sono continuate ad arrivare le condanne dell'Occidente.

Indignazione internazionale

I ministri degli Esteri del G7, riuniti a Monaco, hanno espresso la loro "indignazione" chiedendo alle autorità russe "di chiarire pienamente le circostanze" della morte di Navalny. Ma Vladimir Putin, chiamato in causa direttamente da diversi leader, compreso il presidente americano Joe Biden, continua a rimanere in silenzio. E per il momento non c'è alcun segnale che i chiarimenti richiesti possano arrivare presto.

TiscaliNews   

I più recenti

Migranti, il parlamento del Regno Unito approva il piano Ruanda
Migranti, il parlamento del Regno Unito approva il piano Ruanda
Gb: i Lord rimandano il piano Ruanda ai Comuni
Gb: i Lord rimandano il piano Ruanda ai Comuni
Gaza, sfollati palestinesi trasformano i paracadute in tende
Gaza, sfollati palestinesi trasformano i paracadute in tende
Taiwan, celebrata fra le scosse sismiche la festa del Dio della Medicina
Taiwan, celebrata fra le scosse sismiche la festa del Dio della Medicina

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...