Corea del Nord lancia missile balistico, in Giappone suonano le sirene d'allarme. Usa: “Risposta adeguata"

E' incubo settima detonazione nucleare: le autorità di Tokyo hanno invitato i cittadini di due prefetture a recarsi nei rifugi. L''Ue condanna il lancio del missile nordcoreano definendolo "un'aggressione ingiustificabile

TiscaliNews

Allerta in Giappone per la nuova provocazione da parte di Pyongyang. La Corea del Nord ha lanciato un missile balistico che ha sorvolato il paese  costringendo le autorità ad invitare i cittadini di ben due prefetture a recarsi nei rifugi. Secondo un comunicato della guardia costiera giapponese, il missile avrebbe sorvolato i cieli dell’area settentrionale dell’arcipelago nipponico per poi precipitare in un punto non meglio precisato del mare.

La traiettoria del missile

Il Comando di stato maggiore congiunto sudcoreano ha riferito di aver rilevato il lancio da Mupyong-ri, nella provincia settentrionale di Jagang, effettuato alle 7.23 locali (00.23 in Italia): il missile ha volato per circa 4.500 chilometri, confermando il superamento del Giappone e toccando un apogeo di circa 970 km alla velocità massima considerevole di Mach 17. Le autorità d'intelligence di Corea del Sud e Stati Uniti stanno conducendo un'analisi dettagliata per verificare le specifiche del missile che, a una prima analisi, rimanda a un Hwasong 12 che a gennaio volò per circa 800 chilometri a un'altitudine massima di 2.000 km.

Scatta l’allarme in Giappone

Il Giappone, da parte sua, ha dichiarato che il missile ha "probabilmente" sorvolato il Paese, avvertendo i residenti di trasferirsi nei rifugi. "Sembra che la Corea del Nord abbia lanciato un missile. Si prega di evacuare negli edifici o nel sottosuolo", ha detto il governo nipponico in una allerta emessa alle 7:29 ora locale (le 00:29 in Italia). L'emittente nazionale Nhk ha affermato che l'allarme era in vigore per due regioni settentrionali del Paese. Intorno alle 8 ora locale (l'1 in Italia) l'ufficio del primo ministro nipponico ha twittato poi che "un proiettile che sembra essere un missile balistico nordcoreano è volato probabilmente sopra il Giappone". In un comunicato, la guardia costiera giapponese ha affermato che il missile sembra essere già caduto in mare e ha avvertito le navi di non avvicinarsi a nessun oggetto in caduta.

La condanna degli Stati Uniti

Il Comando americano per l'Asia e il Pacifico ha condannato il lancio del missile, affermando che "l'impegno di Washington nella difesa del Giappone e della Corea rimane incrollabile". "Gli Stati Uniti condannano queste azioni e invitano la Repubblica popolare democratica di Corea ad astenersi da qualsiasi ulteriore atto illegale e destabilizzante", ha affermato il comando in un comunicato. La Casa Bianca ha inoltre informato che il consigliere per la Sicurezza nazionale Jack Sullivan ha parlato separatamente con le sue controparti sudcoreana e giapponese per elaborare una "risposta internazionale adeguata e solida" e riaffermare "l'impegno ferreo" degli Stati Uniti nella difesa del Giappone e della Corea del Sud.

Ue: “Aggressione ingiustificabile”

Da parte sua, il presidente del Consiglio dell'Ue, Charles Michel, ha condannato il lancio del missile nordcoreano, che ha definito "un'aggressione ingiustificabile": "Condanniamo con fermezze il deliberato tentativo della Corea del Nord di mettere a repentaglio la sicurezza nella regione, lanciando un missile balistico sopra al Giappone. Un'aggressione ingiustificabile, in palese violazione del diritto internazionale", ha scritto Michel su Twitter.

E' incubo settima detonazione nucleare

Il lancio da parte della Corea del Nord del suo primo missile balistico sullo spazio aereo del Giappone in oltre cinque anni farebbe inoltre presagire l'arrivo di ulteriori test di armi, inclusa la temuta settima detonazione nucleare. L'iniziativa del Nord, quando i suoi media ufficiali non danno notizia del leader Kim Jong-un da oltre tre settimane, è maturata con le esercitazioni militari condotte da Usa, Corea del Sud e Giappone, e dopo la visita della vicepresidente americana Kamala Harris a Tokyo e a Seul, facendo ipotizzare che la mossa dello Stato eremita possa avere lo scopo di reazione politica.

Le immagini satellitari di Airbus Neo

Il Center for Strategic and International Studies (Csis), think tank basato a Washington, ha appena diffuso un report sulle immagini satellitari ad alta risoluzione di Airbus Neo raccolte tra il 19 e il 29 settembre scorso sul sito di Punggye-ri che ha finora ospitato le detonazioni atomiche. Mentre tutti i preparativi sembrano completati al tunnel n.3 (per Usa e Corea del Sud tutto è pronto per il test), gli analisti di Csis hanno rilevato a sorpresa nuovi lavori in corso al tunnel n.4, tra segnali sgombero davanti all'ingresso e la costruzione della strada di accesso. L'attività potrebbe far parte di un'espansione delle capacità di test nucleari della Corea del Nord oltre il tunnel n.3, oppure potrebbe essere parte "di un piano di inganno strategico", di depistaggio. La certezza appare allo stato soltanto una: i tempi del settimo test nucleare rimangono solo ed esclusivamente nelle mani di Kim Jong-un, secondo gli analisti. A lui, la decisione se procedere o meno.