Tiscali.it
SEGUICI

La Svizzera vuole bandire i simboli nazisti

di Askanews   
Loading...
Codice da incorporare:

Roma, 27 gen. (askanews) - É perfettamente legale esporre simboli nazisti in Svizzera nonostante lo sgomento che si prova nel vedere una grande bandiera con la swastika che sventola in un mercatino di oggettistica militare o uno stemma del Terzo Reich che viene venduto online. Le cose potrebbero tuttavia cambiare a Ginevra, uno dei 26 cantoni, dove un gruppo trasversale di deputati regionali intende modificare la costituzione per "proibire di esporre o indossare simboli nazisti, emblemi o qualsiasi altro oggetto nazista" in pubblico.

Il promotore della proposta di legge, deputato della destra populista, Thomas Blaesi, il cui nonno fu deportato nel campo di concentramento di Mauthausen:"Il testo, che è stato steso assieme ad altri 18 deputati nel cantone di Ginevra, punta a istituire una norma che chieda al Consiglio di Stato prima di tutto di stabilire una politica contro il razzismo e l'anti-semitismo e un secondo paragrafo che chieda di proibire di indossare ed esporre i simboli nazisti, e allo stesso tempo conservando e preservando eccezioni come le produzioni cinematografiche, la necessità pedagogica e la necessità storica o il dovere della memoria", ha spiegato ad Afp.La Giornata della memoria del 27 gennaio è il giorno chiesto simbolicamente per votare la proposta al Parlamento cantonale, la modifica dovrà poi essere approvata dal Parlamento svizzero a Berna e successivamente essere sottoposta a referendum a Ginevra.

di Askanews   

I più recenti

Gli Usa inviano 53 milioni di aiuti a Gaza e Cisgiordania
Gli Usa inviano 53 milioni di aiuti a Gaza e Cisgiordania
Algeria, esercitazioni militari al confine con il Mali
Algeria, esercitazioni militari al confine con il Mali
Pina Picierno (Pd), Incontrovertible tra Nord e Sud d'Europa attraverso l'arte
Pina Picierno (Pd), Incontrovertible tra Nord e Sud d'Europa attraverso l'arte
Il vulcano Popocatepetl minaccia di nuovo Città del Messico
Il vulcano Popocatepetl minaccia di nuovo Città del Messico

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...