Tiscali.it
SEGUICI

Israele, Netanyahu nell'angolo: quali le opzioni

di Adnkronos   
Israele, Netanyahu nell'angolo: quali le opzioni

Tel Aviv, 30 mar. (Adnkronos) - Con il rinvio del voto sulla contestata e controversa riforma della giustizia, il premier israeliano Benyamin Netanyahu ha guadagnato tempo, ma molti osservatori ritengono che si sia messo nell'angolo e abbia poche opzioni per uscirne. A meno che, ancora una volta, dimostri di meritare uno dei suoi tanti soprannomi, quello del 'mago' capace di capovolgere la situazione all'ultimo.

Il periodo chiave sarà fino al 30 aprile, quando riaprirà la Knesset, e la riforma dovrebbe tornare in calendario. Fino a quel momento c'è tempo per trovare un compromesso sulla riforma giudiziaria, ma non sarà facile trovare una intesa. Se Netanyahu deciderà comunque di andare avanti con la riforma, le proteste riprenderanno. Se invece porrà il freno alla riforma, la sua coalizione di estrema destra rischia di spaccarsi.

Ma non si possono escludere mosse dell'ultimo momento per cercare di capovolgere la situazione. La strategia di Netanyahu si è sempre basata su decisioni all'ultimo minuto e questo rende difficile prevedere cosa farà, dice alla Cnn Aviv Bushinsky, che ha lavorato con lui per nove anni come consigliere per i media. A suo parere. Netanyahu potrebbe cercare ancora di rinviare ancora per un po' "sperando che le cose si calmino gradualmente". Dopo tutto, nota Bushinsky, i ministri che avevano minacciato di andarsene, se la riforma non fosse stata approvata subito, alla fine sono rimasti al loro posto. Sempre che non si verifichi una crisi per la sicurezza nazionale, proveniente dall'esterno o legata al conflitto palestinese. In questo caso scatterebbe una reazione di unità, sia nel paese che nel governo.

Non è comunque chiaro se Netanyahu sia veramente intenzionato a trovare un compromesso sulla riforma. "Non ho individuato nessuna indicazione che il primo ministro stia impegnandosi in un negoziato con un vero interesse a raggiungere un consenso", afferma Yohanan Plesner, presidente dell'Israel Democracy Institute di Gerusalemme. Che fa anche notare come vi sia un ulteriore elemento da tenere in considerazione: la profonda crisi del Likud. Il partito di Netanyahu, rimarca, è rimasto "politicamente ferito", perdendo legittimità e sostegno anche fra i suoi elettori.

Secondo un commento pubblicato su Ynet, Netanyahu è finito "in una prigione da lui stesso creata". Dopo la vittoria elettorale si è alleato con l'estrema destra, ritenendola l'opzione più facile da gestire. Ma è una coalizione che finisce per essere troppo autoreferenziale, dove scarseggiano le personalità in grado di avvertire il premier di aver imboccato una strada pericolosa. Ed è così, nota il giornale, che Netanyahu ha ignorato molti segnali di pericolo.

di Adnkronos   
I più recenti
Putin in visita di Stato in Uzbekistan
Putin in visita di Stato in Uzbekistan
MO, Michel riceve Mustafa a Bruxelles
MO, Michel riceve Mustafa a Bruxelles
Tornado nel sud degli Stati Uniti, due morti in Texas
Tornado nel sud degli Stati Uniti, due morti in Texas
Attacco con coltello in metro a Lione, quattro feriti
Attacco con coltello in metro a Lione, quattro feriti
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...