Tragico incidente nucleare in Russia: è allarme radiazioni, un intero villaggio sarà evacuato

Secondo i media locali, sarà inviato a Nyonoksa, nella regione settentrionale russa di Arkhangelsk, un treno speciale per il trasferimento degli abitanti

Il villaggio di Nyonoksa
Il villaggio di Nyonoksa
TiscaliNews

ll villaggio vicino all'installazione militare di Severodvinsk, teatro dell'incidente nucleare di giovedì scorso, sarà evacuato dalle autorità che assicurano che i 450 residenti dovranno lasciare le loro case solo per due ore. Secondo i media locali, sarà inviato a Nyonoksa, nella regione settentrionale russa di Arkhangelsk, un treno speciale per il trasferimento degli abitanti.

La paura degli abitanti

Ma in un'intervista al canale televisivo tv29 un abitante ha detto che alcune persone si sono dette pronte ad andare nelle foreste che circondano il villaggio piuttosto che salire sul treno. Il governatore regionale, Igor Orlov, ha insistito nel dire che la mossa non è una vera evacuazione ma "una misura di routine", secondo quanto ha riportato l'agenzia Interfax. I militari russi hanno comunicato agli abitanti del villaggio - che negli scorsi anni è stato evacuato altre volte a seguito di test nella vicina base militare - della breve evacuazione. "Ci hanno detto che non ci sono cambiamenti nei livelli della radiazione e che non c'è nulla di cui preoccuparsi - ha riferito uno degli abitanti - e che tutto è a posto nel nostro villaggio e nella base militare. La situazione è controllata da esperti".

L'allarme di Greenpeace

E’ uno dei peggiori incidenti nucleari avvenuti in Russia da Chernobyl, forse” : così scrive il New York Times sull’esplosione di Severodvinsk registrata nel corso di un test nucleare su una chiatta ancorata nelle acque davanti nel poligono del ministero della difesa russo di Nyonoska nel Mar Bianco quattro giorni fa, giovedì 8 agosto 2019. Secondo Greenpeace il livello di radiazioni è cresciuto di 20 volte mentre agenzia meteorologica russa Rosgidromet fa sapere di aver registrato un livello di radiazioni gamma da quattro a 16 volte i livelli consueti nella città di Severodvinsk subito dopo l'esplosione durante un test missilistico nel poligono marittimo di Nyonoksa, nell'estremo nord della Russia. Severodvinsk dista circa 40 chilometri dal poligono. Secondo Rosgidromet, i livelli di radioattività erano superiori a quelli soliti in sei stazioni meteorologiche su otto e sono tornati nella norma dopo due ore e mezza. Uno dei sensori avrebbe registrato un livello di 1,78 microsievert per ora, ben sopra la media ma largamente sotto i livelli di allarme. Rassicurazioni accolte con scetticismo dai civili, anche perché era stato annunciato il blocco alla navigazione per almeno un mese.

Le vittime dell'incidente

Le 7 vittime dell'incidente sono esperti dell'agenzia nucleare russa Rosatom che in una nota ufficiale ha anche ammesso che l'esplosione è avvenuta "durante i lavori d'ingegneria e manutenzione tecnica delle fonti isotopiche nel motore a propellente liquido". E' una ammissione importante, perché esiste un solo missile con doppio sistema di propulsione propellente liquido/nucleare, il missile da crociera Burevestnik. E' di fatto la conferma che l'incidente ha riguardato quel sistema d'arma.