In Austria 600 euro di multa ai no-vax, obbligo dai 14 anni in su

di Askanews

Roma, 6 dic. (askanews) - In Austria chi non sarà vaccinato entro il 15 marzo dovrà pagare una multa di 600 euro che potrà ripetersi ogni tre mesi. É quanto si apprende da una bozza di legge sull'obbligo vaccinale, in vigore dal 1 febbraio 2022, visionata dal Kurier. L'obbligo, secondo il testo, varrà dai 14 anni in su, e prevede tre iniezioni: la prima dose, una seconda che dovrà essere fatta non prima di 14 giorni e non più tardi di 42 e una terza dose, il cosiddetto booster, da farsi dopo 4 mesi e non più tardi di 9 mesi dal precedente richiamo.I vaccini riconosciuti sono BioNTech-Pfizer, Moderna, AstraZeneca e Johnson & Johnson.Intanto in Austria ha giurato il nuovo cancelliere, Karl Nehammer, ex militare ed ex ministro dell'Interno, esponente del partito conservatore Oevp, che ha preso il posto di Alexander Schallenberg, fedelissimo dell'ex cancelliere Sebastian Kurz, che ha annunciato l'addio definitivo alla politica dopo lo scandalo per corruzione."Il coronavirus è un peso per le persone. E per molte persone, il limite della ragionevolezza è stato superato. Ciò significa che il nostro obiettivo comune ora deve essere di utilizzare il tempo (a nostro vantaggio)"."E al termine mi siederò con degli esperti, il ministro della Salute, e i rappresentanti dell'opposizione, per preparare bene le decisioni per mercoledì. Perché si tratta di portare insieme il Paese fuori dal lockdown", ha aggiunto Nehammer, dicendosi pronto al dialogo, in particolare ad ascoltare le preoccupazioni e le paure delle persone in modo serio e allo stesso tempo trovare delle soluzioni.