La Russia lancia un attacco missilistico su Kiev: "Persone intrappolate sotto le macerie"

I missili hanno colpito edifici residenziali. Il sindaco di Kiev: "Cercano di intimidire gli ucraini". Pieno controllo russo nella città di Severodonetsk

TiscaliNews

La Russia ha lanciato un attacco su Kiev. Alcune esplosioni sono state sentite all'alba nella capitale dell'Ucraina. Secondo il deputato ucraino Oleksiy Gancharenko, 14 missili sono stati lanciati all'alba sulla capitale. Il Kiev Independent parla di tre deflagrazioni mentre secondo quanto riportato sui social le esplosioni sarebbero state più numerose, almeno quattro, e sono state causate da missili da crociera russi.

Biden: "Un atto di barbarie"

Il presidente Usa Joe Biden, in Germania per il G7, ha definito un "atto di barbarie" i bombardamenti russi. Secondo il sindaco della capitale ucraina, Vitali Klitschko, la Russia cerca di "intimidire gli ucraini" prima del vertice Nato con l'attacco missilistico contro Kiev.

"I missili hanno colpito edifici residenziali"

"Diverse esplosioni sono avvenute nel distretto di Shevchenkivskyi. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e le ambulanze" ha scritto su Telegram il sindaco di Kiev.  "Sono state udite quattro esplosioni, ora c'è fumo nero sopra la città. I missili hanno colpito edifici residenziali, non ci sono ancora informazioni su eventuali vittime" ha scritto su Twitter il deputato ucraino Oleksiy Goncharenko.

"Persone intrappolate sotto le macerie" 

Almeno due persone sono state ricoverate in ospedale dopo l'attacco missilistico. Lo ha reso noto il sindaco della capitale ucaina, Vitali Klitschko, secondo quanto riporta il Kyiv Independent. Klitschko ha detto inoltre che ci sono persone intrappolate sotto le macerie di un edificio di nove piani colpito da uno dei missili. E' in corso intanto l'evacuazione della zona.

Circa 34.850 le perdite russe

Ammonterebbero a 34.850 le perdite fra le fila russe dal giorno dell’attacco all’Ucraina, lo scorso 24 febbraio. Lo rende noto il bollettino quotidiano dello Stato Maggiore delle Forze Armate ucraine, diffuso su Facebook, che riporta cifre che non è possibile verificare in modo indipendente. Secondo il resoconto dei militari ucraini, a oggi le perdite russe sarebbero di circa 34.850 uomini, 1.532 carri armati, 3.659 mezzi corazzati, 764 sistemi d'artiglieria, 243 lanciarazzi multipli, 99 sistemi di difesa antiaerea. Stando al bollettino, che specifica che i dati sono in aggiornamento a causa degli intensi combattimenti, le forze russe avrebbero perso anche 184 elicotteri, 2.564 autoveicoli e 14 unità navali.

Pieno controllo russo nella città di Severodonetsk

La conquista da parte della Russia di Severdonetsk, nell'Ucraina orientale, rappresenta un "risultato significativo" per le ambizioni di Mosca nella regione del Donbass: lo scrive l'intelligence britannica nel suo aggiornamento quotidiano sulla situazione nel Paese. Secondo il rapporto, pubblicato dal ministero della Difesa su Twitter, la maggioranza delle truppe ucraine si è già ritirata dalle rimanenti posizioni difensive nella città. Ma Severdonetsk, conclude l'intelligence, è solo uno dei tanti obiettivi impegnativi che le truppe russe dovranno raggiungere per occupare l'intero Donbass.