Georgia, arrestato il leader dell'opposizione Nika Melia

di Askanews

Tbilisi, 23 feb. (askanews) - In Georgia è stato arrestato Nika Melia, leader del principale partito di opposizione georgiano, il Movimento Nazionale Unito, dopo che la polizia ha fatto irruzione, anche con gas lacrimogeni, nella sede del suo partito a Tbilisi. L'accusa per Melia è aver organizzato violenze di massa durante le proteste antigovernative del 2019. Con lui sono finiti in manette anche alcuni sostenitori del suo movimento.Una situazione che rischia di aggravare la crisi politica scaturita dalle controverse elezioni parlamentari del 2020.L'arresto di Melia ha fatto scendere in piazza migliaia di militanti del movimento anti-governativo che si sono radunati davanti al palazzo del parlamento nel centro di Tbilisi, bloccando il traffico lungo l'arteria principale della città, per denunciare l'azione della polizia e chiedere elezioni anticipate.Gli Stati Uniti, tramite l'ambasciata americana a Tbilisi, hanno condannato l'azione e fatto sapere in un comunicato di essere "profondamente preoccupati per la decisione del governo locale di arrestare il capo di un importante partito politico di opposizione".