Tiscali.it
SEGUICI

Francesco influenzato non salta l’Angelus: i nuovi appelli per Ucraina e Palestina

Il Pontefice fa leggere il testo a un suo collaboratore. Il dialogo unica via della pace. il Papa sarà a Dubai a fine settimana per COP28

Carlo Di Ciccodi Carlo Di Cicco   
Francesco in video (Ansa)
Francesco in video (Ansa)

“Oggi, non posso affacciarmi dalla finestra perché ho questo problema di infiammazione ai polmoni e a leggere la riflessione sarà monsignor Braida che le conosce bene perché è lui che le fa e le fa sempre così bene. Grazie tante per la vostra presenza”. Inedito l’inizio odierno a sorpresa dell’Angelus nell’ultima domenica dell’Anno liturgico che coincide con la festa di Cristo Re. Inedito per l’intensità del messaggio di Papa Francesco che ha ricordato con forti accenti i gravi problemi del mondo attualmente costituiti dalle guerre in Ucraina e Palestina, ma anche dalla crisi climatica. E proprio per questo motivo il papa ha confermato in diretta televisiva la sua partecipazione alla COP28 in programma a Dubai dalla fine di novembre al 13 dicembre. Francesco farà un viaggio breve (1-3 dicembre) nel quale prenderà la parola in assemblea e incontrerà diversi esponenti politici in alcuni incontri bilaterali per incoraggiare passi avanti per cercare di arginare il riscaldamento climatico.

“Oltre che dalla guerra, - è il parere del papa - il nostro mondo è minacciato da un altro grande pericolo, quello climatico, che mette a rischio la vita sulla Terra, specialmente le future generazioni. E questo è contrario al progetto di Dio, che ha creato ogni cosa per la vita. Perciò, nel prossimo fine settimana, mi recherò negli Emirati Arabi Uniti per intervenire sabato alla COP28 di Dubai. Ringrazio tutti coloro che accompagneranno questo Viaggio con la preghiera e con l’impegno di prendere a cuore la salvaguardia della casa comune”.

Nel dopo Angelus letto per intero da monsignor Paolo Braida, suo stretto collaboratore in qualità di capo ufficio alla Segreteria di Stato, Francesco ha espresso soddisfazione per la tregua tra Israele ed Hamas, incoraggiando un ampliamento del dialogo. “Oggi – sono le parole del pontefice - ringraziamo Dio perché tra Israele e Palestina c’è finalmente una tregua e alcuni ostaggi sono stati liberati. Preghiamo che lo siano al più presto tutti – pensiamo alle loro famiglie! –, che entrino a Gaza più aiuti umanitari e che si insista nel dialogo: è l’unica via, l’unica via per avere pace. Chi non vuole dialogare non vuole la pace”. Parole precedute da un robusto pensiero all’Ucraina. Ieri la martoriata Ucraina ha commemorato l’Holodomor, il genocidio perpetrato dal regime sovietico che, 90 anni fa, causò la morte per fame di milioni di persone. Quella lacerante ferita, anziché rimarginarsi, è resa ancora più dolorosa dalle atrocità della guerra che continua a far soffrire quel caro popolo”.

Sulla tragedia dell’Holodomor avvenuta 90 anni fa sotto il regime staliniano era intervenuto anche il segretario di Stato Pietro Parolin durante una messa commemorativa dei milioni di morti celebrata nella Basilica di sant’Andrea della Valle. Holodomor per il segretario di Stato fu una pagina terribile della storia ucraina, come oggi lo è la guerra “spietata” in corso causa della distruzione enorme del Paese che “che si teme ancora maggiore e più funesta nei mesi invernali che si avvicinano”. Lo sguardo di Francesco ha considerato altre situazioni conflittuali, con un invito a continuare a pregare senza stancarsi “per tutti i popoli dilaniati dai conflitti perché la preghiera è la forza di pace che infrange la spirale dell’odio, spezza il circolo della vendetta e apre vie insperate di riconciliazione”. A questo punto Francesco, rimasto concentrato e composto ascoltando la lettura, ha allungato un braccio quasi per meglio vedere le pagine lette dal monsignore lasciando quindi intravedere la mano destra con l'ago a farfalla permanente che evidenzia il fatto che il Papa riceve in questa fase medicinali opportuni tramite endovenosa. La mano destra incerottata è apparsa ancor più chiaramente quando ha impartito la benedizione ai fedeli che seguivano la recita, guidata dal pontefice, dagli schermi di Piazza san Pietro. Il primo pensiero di Francesco dopo la recita della preghiera mariana è stato tuttavia per i giovani. Ha infatti sottolineato che “oggi si celebra nelle Chiese particolari la 38ª Giornata Mondiale della Gioventù, sul tema Lieti nella speranza. Benedico quanti prendono parte alle iniziative promosse nelle diocesi, in continuità con la GMG di Lisbona. Abbraccio i giovani, presente e futuro del mondo, e li incoraggio a essere protagonisti gioiosi della vita della Chiesa”.

Commentando il Vangelo odierno il papa ha rilevato che “ci parla del giudizio finale e ci dice che esso sarà sulla carità”. La scena è quella di una sala regale. Tutti i popoli sono radunati ai spiedi di Gesù e tra essi spiccano «i benedetti», gli amici del Re. “Ma chi sono? Che cos’hanno di speciale questi amici agli occhi del loro Signore? Secondo i criteri del mondo – chiarisce Francesco - gli amici del re dovrebbero essere quelli che gli hanno dato ricchezze e potere, che lo hanno aiutato a conquistare territori, a vincere battaglie, a farsi grande fra gli altri sovrani, magari a comparire come una star sulle prime pagine dei giornali o sui social, e a loro egli dovrebbe dire: “Grazie, perché mi avete reso ricco e famoso, invidiato e temuto”. Secondo i criteri di Gesù, invece, gli amici sono altri: “Sono coloro che lo hanno servito nelle persone più deboli. Questo perché il Figlio dell’uomo è un Re completamente diverso, che chiama i poveri “fratelli”, che si identifica con gli affamati, gli assetati, gli stranieri, gli ammalati, i carcerati, e dice: «Ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me». È un Re sensibile al problema della fame, al bisogno di una casa, alla malattia e alla prigionia: tutte realtà purtroppo sempre molto attuali. Affamati, persone senza tetto, spesso vestite come possono, affollano le nostre strade: le incontriamo ogni giorno. E anche per ciò che riguarda infermità e carcere, tutti sappiamo cosa voglia dire essere malati, commettere errori e pagarne le conseguenze”. Ebbene, il Vangelo è la conclusione del papa “oggi ci dice che si è “benedetti” se si risponde a queste povertà con amore, col servizio: non voltandosi dall’altra parte, ma dando da mangiare e da bere, vestendo, ospitando, visitando, in una parola facendosi vicini a chi è nel bisogno. E questo perché Gesù, il nostro Re che si definisce Figlio dell’uomo, ha le sue sorelle e i suoi fratelli prediletti nelle donne e negli uomini più fragili. La sua “sala regale” è allestita dove c’è chi soffre e ha bisogno di aiuto. Questa è la “corte” del nostro Re. E lo stile con cui sono chiamati a distinguersi i suoi amici, quelli che hanno Gesù per Signore, è il suo stesso stile: la compassione, la misericordia, la tenerezza. Esse nobilitano il cuore e scendono come olio sulle piaghe di chi è ferito dalla vita.

Carlo Di Ciccodi Carlo Di Cicco   
I più recenti
Biden si ritira e appoggia Kamala Harris per la corsa alla Casa Bianca
Biden si ritira e appoggia Kamala Harris per la corsa alla Casa Bianca
Speaker della Camera Johnson, Biden deve dimettersi subito
Speaker della Camera Johnson, Biden deve dimettersi subito
Una vita dedicata alla politica: 50 anni al servizio del suo Paese
Una vita dedicata alla politica: 50 anni al servizio del suo Paese
Trump, tutti sapevano che Biden non era idoneo a servire
Trump, tutti sapevano che Biden non era idoneo a servire
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...