Tiscali.it
SEGUICI

La storia di Ali e Ahmed, i due cuginetti fuggiti dall’Egitto alla ricerca di un futuro migliore in Italia

Hanno solo 12 e 13 anni ma giovedì scorso sono stati trovati alla deriva su un barchino insieme ad altre 75 migranti dalla nave umanitaria Humanity 1 dell’ong tedesca Sos Humanity. Prima di imbarcarsi hanno trascorso quattro lunghi mesi in Libia.

Lidia Ginestra Giuffrida di Lidia Ginestra Giuffrida   
La storia di Ali e Ahmed, i due cuginetti fuggiti dall’Egitto alla ricerca di un futuro migliore in...

Hanno i piedini scalzi, una busta di plastica in mano e l’innocenza di chi non sa cosa accadrà superata la passerella che collega la nave alla terraferma. Ali e Ahmed hanno 12 e 13 anni, sono due cugini fuggiti dall’Egitto insieme in un barchino con altre 75 persone che giovedì scorso sono state trovate alla deriva nella zona di ricerca e soccorso libica dalla nave umanitaria Humanity 1 dell’ong tedesca Sos Humanity.

I soccorsi

Ali era in piedi, indispettito, voleva salire subito sul rihb dell’Humanity 1, il gommone utilizzato per fare i soccorsi in mare. Ahmed, invece, è rimasto in silenzio per il tempo dell’intero soccorso. Circa due ore di operazioni, terminate con un totale di 106 persone a bordo della nave umanitaria, che aveva già salvato 31 naufraghi all’alba di giovedì scorso.

Il viaggio verso ilporto di Ortona

Durante le prime ore a bordo i due bimbi restano in silenzio, osservano cosa gli accade attorno in un’apparente timidezza. Solo dopo due giorni di navigazione verso il porto di Ortona, il porto di sbarco assegnato dalle autorità italiane, Ali e Ahmed cominciano a raccontare qualcosa di se. Ali a soli 12 anni è già un elettricista e il padre e il fratello maggiore si trovano a Milano. Vuole raggiungerli, vorrebbe studiare e poi lavorare, ma vuole farlo con il cugino Ahmed, che invece continua a stare in silenzio.

I mesi in Libia

Hanno deciso di partire per questo motivo, ma prima di imbarcarsi hanno trascorso quattro lunghi mesi in Libia. Non raccontano niente di quei mesi, si guardano a vicenda, sorridono e ringraziano dio di “star attraversando finalmente il mare". Quella pozza d’acqua infernale che è il Mediterraneo.

Verso una nuova vita

Ali sa nuotare, l’ha imparato da solo, dice, ma il cugino no. Per questo quando siamo arrivati a soccorrerli Ahmed è rimasto seduto e in silenzio, bloccato dal terrore di cadere in acqua. Adesso i due bimbi sono finalmente sulla terra ferma, mano nella mano verso una nuova vita, con quella passata racchiusa in un sacchetto

Lidia Ginestra Giuffrida di Lidia Ginestra Giuffrida   
I più recenti
Bimba rapita e uccisa in Francia, arrestato compagno della madre
Bimba rapita e uccisa in Francia, arrestato compagno della madre
Elezioni Usa, Biden tira dritto: Correrò e vinceremo
Elezioni Usa, Biden tira dritto: Correrò e vinceremo
Tensioni con migranti in Tunisia, presidente rassicura comunità
Tensioni con migranti in Tunisia, presidente rassicura comunità
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...