Tiscali.it
SEGUICI

L'esercito israeliano ammassa tank al confine: conto alla rovescia per l'attacco a Rafah

TiscaliNews   
L'esercito israeliano ammassa tank al confine: conto alla rovescia per l'attacco a Rafah

 

Israele stringe i tempi dell'attacco a Rafah, ultima roccaforte di Hamas nel sud di Gaza dove potrebbero essere tenuti prigionieri gli ostaggi, e rifugio per oltre un milione di palestinesi in fuga. L'esercito ha ammassato decine di carri armati e veicoli blindati lungo il confine meridionale con Gaza, al valico israeliano di Kerem Shalom, vicino a Rafah, come hanno riferito giornalisti che hanno visto il movimento dei mezzi militari. Un'operazione sostanzialmente già annunciata nel pomeriggio di giovedì, quando l'esercito israeliano (Idf) ha informato il governo che le sue forze hanno completato i preparativi per entrare a Rafah e che la data dipende solo dal gabinetto di guerra.

L'Idf ha aggiunto che la brigata 162, finora nel nord e nel centro della Striscia, si è avvicinata alla città meridionale. Uscendo dal teso e prolungato gabinetto di guerra, un alto ufficiale israeliano ha parlato chiaro: "Siamo diretti a Rafah senza dubbio. Non c'è contraddizione tra questa operazione e un accordo per la restituzione degli ostaggi. Più ci avviciniamo a Rafah, più il coinvolgimento egiziano aumenta, naturalmente". I preparativi insomma sembrano essere nelle fasi finali, tra riunioni del gabinetto di guerra, riposizionamenti delle brigate e nuovi raid aerei sulla meridionale della Striscia, in cui sono morti - solo nelle ultime ore - un cooperante di un'agenzia belga e il figlio di 7 anni.

Con gli Stati Uniti che da una parte ribadiscono la loro contrarietà all'operazione cercando di convincere Israele che esistano "altri modi per colpire Hamas", e dall'altra riuniscono una coalizione di 18 Paesi per chiedere "il rilascio immediato di tutti gli ostaggi a Gaza" come precondizione "affinché si raggiunga un cessate il fuoco". Insieme agli Usa, all'iniziativa hanno aderito Francia, Germania, Gran Bretagna e altre 14 delle 25 nazioni che hanno loro cittadini nelle mani di Hamas. "Le pressioni americane non hanno valore", ha subito replicato un alto funzionario della fazione palestinese, Sami Abu Zuhri, reiterando la richiesta della fine della guerra come parte di qualsiasi accordo.

Lo Stato ebraico però non abbandona i suoi piani. Intanto, nel timore che l'attacco alla città di confine scateni un esodo di sfollati palestinesi nel Sinai che metterebbe a rischio "la sicurezza nazionale dell'Egitto", il presidente Abdel Fattah al Sisi è tornato a opporsi a "una migrazione forzata" dei civili di Gaza paventando "conseguenze catastrofiche". L'Egitto - ora in prima linea nella trattativa - ha quindi presentato alla delegazione israeliana un'iniziativa che prevede il congelamento dell'assalto a Rafah contro un cambio di passo nei negoziati: Hamas avrebbe proposto un cessate il fuoco della durata di un anno in cambio della sospensione degli attacchi contro Israele. Una delegazione egiziana è attesa venerdì a Tel Aviv per discuterne, con il primo obiettivo di mantenere in vita la trattativa.

Ma Hamas continua ad alzare la posta, avanzando richieste sempre più inaccettabili per Israele. Come quella di una tregua di cinque anni in cambio della creazione di uno Stato palestinese nei confini precedenti il 1967, proposta da Khalil al-Hayya, membro dell'ufficio politico basato in Qatar e vice di Yahya Sinwar. Salvo poi precisare che si tratterebbe di una soluzione temporanea, perché i palestinesi non rinuncerebbero al "diritto al ritorno" dei profughi e dei discendenti nell'odierno territorio israeliano. "Non ci sarà mai uno Stato palestinese con Hamas", ha tagliato corto il portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale Usa, John Kirby. "Gli Stati Uniti sostengono la soluzione a due Stati", ma "affinché questo avvenga ci vuole una leadership che garantisca la pace da entrambe le parti". Per conto suo Israele starebbe per consegnare ai mediatori un nuovo schema di accordo: la liberazione di 20 ostaggi, tra donne, soldatesse, anziani e persone in gravi condizioni, in cambio del ritorno per i civili palestinesi nel nord di Gaza. Ma la fine della guerra non sarà dichiarata.

TiscaliNews   
I più recenti
Cina, 'presidente Lai spinge Taiwan verso la guerra'
Cina, 'presidente Lai spinge Taiwan verso la guerra'
Israele, recuperati i corpi di 3 ostaggi a Jabalya
Israele, recuperati i corpi di 3 ostaggi a Jabalya
Israele taglia contatti fra Consolato Spagna e palestinesi
Israele taglia contatti fra Consolato Spagna e palestinesi
In Argentina scontri durante la protesta degli insegnanti
In Argentina scontri durante la protesta degli insegnanti
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...