Tiscali.it
SEGUICI

Via libera del Congresso americano ai nuovi aiuti per l'Ucraina. Zelensky ringrazia il Senato

Biden: firmo oggi, armi a Kiev già questa settimana. Nel pacchetto anche fondi per Israele e Taiwan. Il pacchetto di aiuti vale 95 miliardi di dollari.

TiscaliNews   
leader dei democratici al Senato, Chuck Schumer
Il leader dei democratici al Senato, Chuck Schumer (Foto Ansa)

Il Congresso americano ha adottato un gigantesco pacchetto di aiuti militari ed economici per l'Ucraina, risultato di mesi di negoziati estremamente tesi e laboriosi. Il piano - che comprende anche fondi per Israele, Taiwan e un ultimatum a TikTok - ha ricevuto un sostegno schiacciante al Senato. Era stato adottato pochi giorni prima alla Camera dei rappresentanti.

Un pacchetto da 95 miliardi di dollari

"Finalmente, finalmente, finalmente. Stasera dopo più di sei mesi di duro lavoro e molti colpi di scena l'America manda un messaggio al mondo intero: non vi volteremo le spalle", ha commentato il leader dei democratici al Senato, Chuck Schumer. Il presidente americano Joe Biden ha promesso di promulgare il testo. Il pacchetto di aiuti vale 95 miliardi di dollari. I fondi sono il risultato di mesi di negoziati estremamente aspri, dell'andirivieni del presidente ucraino Volodymyr Zelensky a Washington e delle pressioni degli alleati di tutto il mondo.

Biden: "Armi a Kiev già questa settimana"

Biden ha dichiarato che gli Stati Uniti "inizieranno a inviare armi e attrezzature all'Ucraina questa settimana", dopo che il Congresso statunitense ha votato i tanto attesi aiuti per Kiev. "Firmerò questo disegno di legge e parlerò al popolo americano quando arriverà sulla mia scrivania domani" (oggi in Italia), ha detto Biden in un comunicato della Casa Bianca. Il Congresso ha risposto alla "chiamata della storia" con questa legge che mira a "rafforzare la nostra sicurezza nazionale e inviare un messaggio al mondo sul potere della leadership americana", ha aggiunto il presidente Usa.

Zelensky ringrazia il Senato

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ringraziato il Senato americano per aver approvato 61 miliardi di dollari in aiuti militari ed economici al suo Paese. "Sono grato al Senato degli Stati Uniti per aver approvato un aiuto vitale per l'Ucraina", ha scritto Zelensky sui social media poco dopo l'ok al massiccio pacchetto di aiuti per Kiev. "Ringrazio il leader della maggioranza Chuck Schumer e il leader repubblicano Mitch McConnell per la loro forte leadership nel portare avanti questa legislazione bipartisan, così come tutti i senatori degli Stati Uniti su entrambi i lati della navata che hanno votato a favore", ha continuato il presidente ucraino. "Apprezzo ugualmente il sostegno del presidente Biden e non vedo l'ora che il disegno di legge venga firmato presto e che il prossimo pacchetto di aiuti militari corrisponda alla risolutezza che vedo sempre nei nostri negoziati", ha aggiunto Zelensky. "Le capacità a lungo raggio, l'artiglieria e la difesa aerea dell'Ucraina sono strumenti fondamentali per ripristinare prima la pace giusta", secondo il presidente. Gli Stati Uniti sono stati il principale sostenitore militare di Kiev nella sua guerra contro la Russia, ma il nuovo pacchetto di aiuti che include forniture militari vitali era rimasto bloccato per mesi al Congresso americano. L'esercito ucraino si trova ad affrontare una grave carenza di armi e di nuove reclute, mentre Mosca esercita una

TiscaliNews   
I più recenti
Afd bandisce il suo candidato Krah dai dibattiti pubblici
Afd bandisce il suo candidato Krah dai dibattiti pubblici
Hamas, resistenza ha spinto a riconoscere Stato Palestina
Hamas, resistenza ha spinto a riconoscere Stato Palestina
Su un cavo teso nel vuoto tra i grattacieli abbandonati di Los Angeles, l’ultima impresa da brivido...
Su un cavo teso nel vuoto tra i grattacieli abbandonati di Los Angeles, l’ultima impresa da brivido...
Ong, in Ecuador violati i diritti umani nello stato di emergenza
Ong, in Ecuador violati i diritti umani nello stato di emergenza
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...