Tiscali.it
SEGUICI

Borotalco provoca il cancro, Johnson & Johnson pagherà 6,5 miliardi di dollari per chiudere le cause civili

L'azienda annuncia un grande piano di risoluzione. Più del 90% delle cause sono state intentate da donne che accusano il talco del colosso farmaceutico di contenere amianto e di provocare il cancro alle ovaie

TiscaliNews   
Talco
Talco (Foto Ansa)

Johnson & Johnson ha deciso di porre fine alle cause civili sul talco accusato di provocare il cancro: per risolvere le controversie il colosso americano  è disposto a pagare circa 6,5 miliardi di dollari. La maggior parte dei reclami attuali – il 99,75% - sono stati intentati da donne che hanno contratto il mesotelioma, una forma di cancro ovarico collegato all'uso di prodotti contenenti talco.

J&J pagherà 6,5 miliardi

J&J ha accettato di pagare circa 6,475 miliardi di dollari in venticinque anni. Gli altri disturbi per i quali sono state intentate le cause riguardano il mesotelioma, soprannominato 'cancro da amianto', e vengono trattati separatamente. Il piano proposto dal colosso farmaceutico prevede un periodo di tre mesi durante il quale i ricorrenti saranno informati della sua esistenza. Sarà convalidato se il 75% lo accetterà. Il gruppo precisa che gli avvocati dei ricorrenti che hanno collaborato al suo sviluppo "lo appoggiano".

Le altre cause legali

Questo accordo è associato alla terza dichiarazione di fallimento di una sussidiaria di J&J, la LTL Management. La società ha precisato che le rimanenti cause legali in sospeso saranno gestite al di fuori di questo nuovo piano di risoluzione. J&J ha dichiarato di aver già risolto il 95% delle cause legali relative al mesotelioma.

Talco, amianto e cancro

Il talco è accusato di contenere amianto e di provocare il cancro alle ovaie. Cosa che l'azienda continua a smentire, anche se l'ha ritirato dal mercato nordamericano. Erik Haas, vicepresidente degli affari legali di J&J. ha denunciato in questo senso la "distorsione degli studi scientifici". Una sintesi degli studi pubblicati nel gennaio 2020 e riguardanti 250.000 donne negli Stati Uniti non ha trovato un legame statistico tra l'uso del talco sui genitali e il rischio di cancro alle ovaie

Interrotta la produzione dal 2023

Dal 2023 Johnson & Johnson ha deciso di interrompere la produzione del suo talco per bambini. In seguito alle numerose aazioni legali che hanno  accusato il prodotto di causare il cancro per la presenza di amianto, il colosso americano della farmaceutica e dei prodotti per la cura personale ha optato per promuovere una polvere a base di amido di mais, già lanciato sui mercati americano e canadese. "Continuiamo a valutare e ottimizzare il nostro portafoglio per essere meglio posizionati per la crescita di lungo termine, Questa transizione aiuterà a semplificare la nostra offerta di prodotti", ha affermato la società ribadendo di continuare a ritenere il suo tradizionale borotalco sicuro.

TiscaliNews   
I più recenti
Grande frana in Papua Nuova Guinea, 'ci sono morti'
Grande frana in Papua Nuova Guinea, 'ci sono morti'
Mosca ammette la responsabilità dell'Isis nell'attacco a Crocus
Mosca ammette la responsabilità dell'Isis nell'attacco a Crocus
Spagna, crolla un ristorante a Maiorca: 4 morti e decine di feriti
Spagna, crolla un ristorante a Maiorca: 4 morti e decine di feriti
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...