Quello di Bezos è il divorzio più costoso della storia: alla ex moglie una vera montagna di dollari

Adesso MacKenzie è una delle donne più ricche del mondo. Il patron di Amazon la ringrazia su Twitter: “E' stata una partner, un'alleata e una mamma straordinaria. E' brillante e avrò sempre qualcosa da imparare da lei''

Jeff Bezos con la moglie (Ansa)
Jeff Bezos con la moglie (Ansa)
TiscaliNews

A volte divorziare ha un costo altissimo per il coniuge. In certe occasioni tuttavia si toccano vette da record. E’ il caso della separazione tra Jeff Bezos e sua moglie MacKenzie. Il patron di Amazon dovrà infatti dirottare in conseguenza del divorzio qualcosa come 36 miliardi di dollari sulla ex consorte.

Maggior azionista

Bezos resta il maggiore azionista del colosso delle vendite on line anche dopo il divorzio. Il fondatore di Amazon mantiene il 75% delle azioni che aveva con la moglie, oltre al controllo del Washington Post e di Blue Origin. A MacKenzie Bezos va invece il restante 25% dei titoli, ovvero il 4% di Amazon: una quota che vale 36 miliardi di dollari, che rende il divorzio il più costoso della storia e che fa di Mackenzie una delle donne più ricche al mondo.

La quarta Paperona

Secondo i calcoli di Bloomberg, infatti, MacKenzie diventa la quarta paperona mondiale, secondo Forbes la terza alle spalle dell'erede di L'Oreal Francoise Bettencourt Meyers e di Alice Walton, la figlia del fondatore di Walmart. Jeff Bezos nonostante tutto resta il più ricco al mondo, con la sua quota in Amazon - il 12% rispetto al 16% pre-divorzio - che vale 107 miliardi di dollari, ai quali si aggiungono i 4 miliardi di dollari di valore del Washington Post e di Blue Origin.

Bezos con la ex moglie MacKenzie (Ansa)

Le dichiarazioni

I dettagli del divorzio sono affidati a un tweet di MacKenzie. ''Sono grata che si sia concluso il processo di dissoluzione del mio matrimonio con Jeff'' cinguetta MacKenzie. ''Sono contenta di dargli tutti i miei interessi nel Washington Post e in Blue Origin, il 75% delle nostre azioni in Amazon più il controllo dei voti sulle mie azioni''. Jeff Bezos, sempre su Twitter, la ringrazia: ''E' stata una partner, un'alleata e una mamma straordinaria. E' brillante e avrò sempre qualcosa da imparare da lei''.

IL "sospiro di sollievo"

Il divorzio sarà finalizzato nei prossimi novanta giorni, al termine dei quali MacKenzie diverrà la terza maggiore azionista di Amazon. L'accordo stempera i timori di uno scossone al vertice di Amazon: MacKenzie avrebbe infatti potuto chiedere il 50% dei beni comuni, ovvero 80 miliardi di dollari, e non lo ha fatto. Non ha neanche indebolito la posizione del suo ex marito, e neanche portato avanti una battaglia legale che, era il timore, avrebbe potuto distrarre Bezos dai suoi compiti di amministratore delegato. Per gli azionisti di Amazon insomma un sospiro di sollievo dopo gli ultimi mesi trascorsi alla finestra fra foto scottanti pubblicate dal tabloid National Enquirer e il timore di uno scandalo dalle più ampie dimensioni.