Tiscali.it
SEGUICI

Hamas pronta a sciogliere la sua ala militare: "Giù le armi con accordo su 2 Stati"

L'organizzazione disponibile a trattare se venisse creato "uno stato palestinese sovrano in Cisgiordania e Striscia di Gaza"

TiscaliNews   
Loading...
Codice da incorporare:

Hamas sarebbe disposta a sciogliere la sua ala militare se venisse riconosciuto lo Stato palestinese. In un'intervista all'Ap rilanciata dai media israeliani, Khalil al-Hayya, membro dell'ufficio politico del gruppo residente a Doha, ha detto che l'organizzazione sarebbe pronta a deporre le armi se venisse creato "uno stato palestinese pienamente sovrano in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza".

Idf: uccisi 2 terroristi a Gaza

Due presunti terroristi palestinesi sono stati uccisi dalle Forze di difesa israeliane in un raid aereo sulla parte centrale di Gaza mentre tentavano di lanciare razzi contro Israele. Secondo quanto riferito dalle Idf, i due sono stati avvistati dagli uomini della Brigata Nahal nei pressi di un deposito di armi e di un lanciarazzi, bombardati nel raid.

Nel mentre, in vista dell’imminente offensiva di terra a Rafah, Israele ha sferrato un attacco aereo sulla città palestinese che ritiene essere l’ultima roccaforte di Hamas. Nel bombardamento, stando a quanto riferito dall’agenzia di stampa palestinese Wafa, sarebbero state uccise almeno tre persone, e diverse altre sono rimaste ferite. Sotto le bombe un edificio residenziale situato nel sud della Striscia di Gaza. Mercoledì il capo di Stato maggiore israeliano, Herzi Halevi, ed il capo dello Shin Bet (i servizi interni), Ronen Bar, si sono recati al Cairo per discutere con il numero uno dell'intelligence egiziana, Abbas Kamel, ed il capo di Stato maggiore, Osama Askar, della sempre più probabile operazione delle forze di difesa israeliane a Rafah. Nel corso dei colloqui si è parlato anche della questione degli ostaggi.

La preoccupazione dell’Egitto

Il sito israeliano fa notare come uno stretto coordinamento militare e politico con l'Egitto sia una delle condizioni fondamentali per l'avvio di un'azione militare a Rafah, soprattutto alla luce dell'intenzione di Israele di prendere il controllo dell''Asse Filadelfia', che è adiacente al confine tra la Striscia di Gaza e l'Egitto. Gli egiziani sono molto preoccupati che un'operazione a Rafah possa portare ad un afflusso di decine di migliaia di palestinesi nel loro territorio e anche da possibili violazioni del confine tali da mettere in pericolo la loro sicurezza. Gli alti funzionari egiziani hanno chiarito in pubblico e nei colloqui a porte chiuse con Israele che un simile scenario porterebbe a una rottura nelle relazioni con lo Stato ebraico e potrebbe persino mettere in pericolo l'accordo di pace tra i due Paesi.

 

Israele mobilita due brigate di riservisti

 I militari israeliani hanno annunciato la mobilitazione di due brigate di riservisti, pronte al ridispiegamento nella Striscia di Gaza. Le Idf sono pronte a schierare due brigate di riservisti, la 679esima brigata corazzata 'Yiftah' e la seconda brigata di fanteria 'Carmeli', scrive il Times of Israel, citando i militari che precisano che le unità "si sono preparate nelle ultime settimane per la missione nella Striscia di Gaza" e si sono esercitate su "tecniche di battaglia".

Il giornale evidenzia come il dispiegamento avvenga mentre "le Idf si preparano a nuove offensive a Gaza, anche nella città di Rafah" nel contesto delle operazioni avviate contro Hamas dopo l'attacco del 7 ottobre in Israele. Il Jerusalem Post precisa che le due brigate verranno trasferite nella Striscia di Gaza dal nord di Israele, a ridosso del confine con il Libano, per "continuare la missione di difesa e attacco" nell'enclave palestinese.

Che fine ha fatto Sinwar?

Intanto il leader di Hamas a Gaza, Yahya Sinwar, l'uomo più ricercato dell'enclave palestinese, avrebbe incontrato di recente combattenti del gruppo lasciando i tunnel in cui si nasconderebbe mentre nella Striscia proseguono le operazioni militari israeliane. La notizia arriva da Al-Araby Al-Jadeed, che cita una fonte di alto livello di Hamas secondo cui Sinwar "ha ispezionato di recente aree che sono state teatro di scontri tra la resistenza e l'esercito dell'occupazione e ha incontrato alcuni dei combattenti del movimento sul campo, non nei tunnel".

"Non è isolato dalla realtà", afferma la fonte, convinta che "dire che Sinwar sia isolato nei tunnel non sia altro che una pretesa di Netanyahu e delle sue agenzie per nascondere il fallimento rispetto agli obiettivi dichiarati nelle piazze israeliane e agli alleati".

Il bilancio delle vittime

Sarebbe di almeno 34.262 il numero dei morti nella Striscia di Gaza dallo scorso 7 ottobre, un bilancio che comprende 79 persone che hanno perso la vita nelle ultime 24 ore. A denunciarlo è il ministero della Salute di Gaza, dal 2007 in mano a Hamas, secondo cui sono 77.229 le persone rimaste ferite da quando l'enclave palestinese è nel mirino delle operazioni militari israeliane scattate in risposta all'attacco del 7 ottobre di Hamas in Israele.

Rapporto Amnesty: "A Gaza crimini di guerra, uccisi migliaia di civili"

Amnesty International presentando il suo Rapporto 2023-2024 (pubblicato in Italia da Infinito Edizioni) sottolinea che "nel conflitto che ha caratterizzato il 2023 e che non mostra segnali di fine, Israele si è fatto beffe del diritto internazionale a Gaza, da dove continuano ad arrivare prove di crimini di guerra. Dopo gli orrendi attacchi di Hamas e di altri gruppi armati del 7 ottobre, le autorità israeliane hanno avviato incessanti attacchi aerei contro aree civili spesso spazzando via famiglie intere, causando il trasferimento forzato di 1,9 milioni di palestinesi e limitando, nonostante l’avanzare della carestia nella Striscia di Gaza, l’accesso agli aiuti umanitari, disperatamente necessari".

“La sconcertante mancanza d’azione della comunità internazionale nel proteggere dalle uccisioni migliaia di civili della Striscia di Gaza, tra i quali una percentuale di minorenni orribilmente alta, ha reso chiaro che proprio le istituzioni create per proteggere i civili e far rispettare i diritti umani non servono più allo scopo. Nel 2023 abbiamo avuto la conferma che molti potenti Stati stanno abbandonando i valori costitutivi di umanità e universalità al centro della Dichiarazione universale dei diritti umani”, ha commentato Agnès Callamard, segretaria generale di Amnesty International.

TiscaliNews   
I più recenti
Procuratore Cpi chiede mandato d'arresto per Netanyahu e Hamas
Procuratore Cpi chiede mandato d'arresto per Netanyahu e Hamas
Iran in lutto, domani cerimonia funebre Raisi: Mokhber presidente
Iran in lutto, domani cerimonia funebre Raisi: Mokhber presidente
La moglie di Assange, Stella, mentre si reca in tribunale con gli avvocati (Ansa)
La moglie di Assange, Stella, mentre si reca in tribunale con gli avvocati (Ansa)
Chiapas, attentato contro un'altra candidata di Morena
Chiapas, attentato contro un'altra candidata di Morena
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...