Attacco aereo Usa contro una milizia filo iraniana in Siria, è il primo 'strike' dell'era Joe Biden

Il Pentagono ha fatto sapere che gli attacchi sono stati compiuti in rappresaglia a un raid missilistico. In azione è rimasto ucciso un contractor civile, mentre un membro dei servizi statunitensi e altri militari della coalizione sono rimasti feriti

Joe Biden (Foto nytimes.com)
Joe Biden (Foto nytimes.com)
TiscaliNews

Gli Usa hanno compiuto un attacco aereo, il primo da quando si è insediato Joe Biden, contro una struttura legata ad una milizia filo iraniana in Siria, dopo tre separati attacchi missilistici contro le forze americane in Iraq. Lo riferiscono i media Usa, citando fonti del Pentagono. Lo strike, ordinato dal presidente, era volto a danneggiare la capacità della milizia di condurre altri attacchi in futuro. Secondo quanto riportato dall'Osservatorio siriano per i diritti dell'uomo ci sarebbero "almeno 17 vittime". 

"Siamo fiduciosi sull'obiettivo che abbiamo attaccato, siamo convinti che era usato dalla stessa milizia sciita che ha condotto gli attacchi" contro basi Usa in Iraq, ha detto il portavoce del Pentagono John F. Kirby, secondo cui gli strike hanno distrutto varie strutture localizzate ad un punto di controllo alla frontiera usate da una serie di gruppi di militanti sostenuti dall'Iran, inclusi Kait'ib Hezbollah e Kait'ib Sayyid al-Shuhada. Kirby ha parlato di una risposta militare proporzionata condotta insieme a misure diplomatiche, compresa la consultazione con i partner della coalizione.

Gli attacchi alle basi americane in Iraq sono stati lanciati sullo sfondo della possibile ripresa dei negoziati sul nucleare tra Teheran, gli europei e gli Usa. Secondo alcuni analisti erano un modo di testare la reazione di Biden, che non ha esitato a rispondere ma in modo chirurgico.

Il segretario alla Difesa Lloyd Austin 

"Sono fiducioso nell'obiettivo che abbiamo perseguito, sappiamo cosa abbiamo colpito", ha detto il segretario alla Difesa Lloyd Austin ai giornalisti che volavano con lui dalla California a Washington, secondo l'Associated Press. Parlando subito dopo gli attacchi aerei, ha aggiunto: "Siamo fiduciosi che quell'obiettivo fosse usato dai militanti sciiti che hanno condotto gli attacchi", riferendosi a un attacco missilistico del 15 febbraio nel nord dell'Iraq che ha ucciso un appaltatore civile e ferito un Membro dei servizi statunitensi e altro personale della coalizione. Austin ha anche detto di aver consigliato l'azione a Biden.

"Abbiamo detto più volte che risponderemo a qualunque attacco", ha detto Austin. "Volevamo essere sicuri della connettività e volevamo essere sicuri di avere gli obiettivi giusti". In precedenza, Kirby ha detto che l'azione degli Stati Uniti è stata una "risposta militare proporzionata" presa insieme ad altre misure diplomatiche, inclusa la consultazione con i partner della coalizione. Anche il senatore repubblicano Marco Rubio ha definito l'attacco "proporzionale e necessario".