Tiscali.it
SEGUICI

Mascherine e scuole chiuse, allarme per un nuovo virus molto letale

L’agente infettivo si chiama Nipah e sta colpendo l’India. Non è molto contagioso ma ha una tasso di mortalità è compreso tra il 40% e il 75%

TiscaliNews   
Foto Shutterstock
Foto Shutterstock

Sono tornate le limitazioni alla vita pubblica, nel Kerala, in India, ma stavolta non è il Covid-19 a spaventare. Le autorità hanno vietato gli assembramenti e le scuole sono state chiuse dopo la morte di due persone: erano state contagiate dal virus Nipah, un virus poco comune, potenzialmente mortale, che si trasmette agli esseri umani dagli animali (ma 'passa' anche tra esseri umani). La malattia inizia con febbre e altri sintomi simil-influenzali, nel peggiore dei casi il cervello si infiamma. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) considera il virus Nipah come "un agente patogeno con potenziale pandemico".

L'epidemia in India viene monitorata da vicino e comunque ci sono ancora solo focolai locali: le autorità hanno introdotto zone di contenimento, quarantena e tracciamento dei contatti, e sono tornate mascherine e indumenti protettivi.

Cos'è  la Nipah, la malattia trasmessa dai pipistrelli

Finora, oltre alle due persone morte, sono risultate positive al virus altre tre; e sono state identificate tra le 700 e le 900 persone esposte al virus, tra le quali 153 operatori del settore sanitario: sono tutti sotto osservazione perché sono state in contatto con le persone contagiate e 77 sono ritenute ad alto rischio.

Il quarto focolaio dal 2018

Si tratta del quarto focolaio in Kerala dal 2018. Nel primo, morirono 21 delle 23 persone contagiate. La varietà di quest'anno, soprannominata la "variante del Bangladesh", si sta dimostrando più letale delle altre ma è meno contagiosa. Tra le quattro persone ricoverate in ospedale, c'è anche il figlio di nove anni di una delle vittime.

Le epidemie di questo virus sono rare, ma il Nipah è stato elencato dall'Oms - insieme a Ebola, Zika e Covid-19 - come una delle numerose malattie che meritano un'attenzione prioritaria proprio perché possono causare potenzialmente un'epidemia globale.

Il Nipah si trasmette solitamente agli esseri umani attraverso animali o alimenti contaminati, ma può anche trasmettersi direttamente tra esseri umani. Tra i sintomi febbre alta, vomito e problemi respiratori, ma nei casi più gravi ci possono essere anche convulsioni e l'infiammazione del cervello che portano al coma.

Non esiste un vaccino e, secondo l'Oms, il tasso di mortalità è compreso tra il 40% e il 75%. Inizialmente trasmessa da animali come i pipistrelli della frutta o i maiali, la mattia secondo l'Oms può anche essere trasmessa tramite contagio diretto tra gli esseri umani.

Nel 2018, in Kerala morirono almeno 17 persone ma la prima epidemia di Nipah uccise più di 100 persone in Malaysia e portò all'abbattimento di un milione di maiali nel tentativo di contenere il virus. Si diffuse anche a Singapore, con 11 casi e un decesso tra i lavoratori dei macelli entrati in contatto con i suini importati dalla Malesia.

Da allora, la malattia è stata segnalata principalmente in Bangladesh e India: il Bangladesh è stato il Paese più colpito negli ultimi anni, con oltre 100 persone morte dal 2001; mentre due epidemie in India hanno ucciso più di 50 persone prima di essere messe sotto controllo.

TiscaliNews   

I più recenti

Putin, 'le truppe russe in Ucraina non si ritireranno mai'
Putin, 'le truppe russe in Ucraina non si ritireranno mai'
Ucraina, Scholz: la Nato non è e non sarà parte in guerra
Ucraina, Scholz: la Nato non è e non sarà parte in guerra
Clima, 200 miliardi danni l'anno. Italia tra piu' colpite
Clima, 200 miliardi danni l'anno. Italia tra piu' colpite
Ucraina, Putin: truppe avanzano per liberare sempre più territori
Ucraina, Putin: truppe avanzano per liberare sempre più territori

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...