Addio a Larry King, ha intervistato da Obama a Madonna: aveva 87 anni ed era malato

Lo scorso maggio aveva avuto un un infarto seguito da un intervento al cuore a maggio. Lo scorso anno aveva perso due figli

Larry King (Ansa)
Larry King (Ansa)
TiscaliNews

E' morto a 87 anni Larry King. L'annuncio è stato dato dal suo profilo Twitter. Il celebre giornalista americano era ricoverato al Cedars Sinai Medical Center di Los Angeles da un mese a causa del coronavirus.

King si era sposato 7 volte e lo scorso anno aveva perso due dei suoi sei figli: Chaia, avuta dalla ex moglie Alene Akins, ed Andy, adottato, nato da un precedente matrimonio di Alene. Lo scorso maggio aveva avuto un un infarto seguito da un intervento al cuore nel maggio scorso, tre mesi dopo il divorzio, dopo 22 anni di matrimonio, dalla moglie Shawn Southwick.

Le storiche interviste

Il giornalista ha condotto il talk show Larry King Live su Cnn dal 1985 al 2010: per piu' di una generazione ha intervistato potenti, vip, celebrities, intellettuali e protagonisti dei fatti di cronaca americana. Un volto inconfondibile, cosi' come la postura di quel mezzobusto per cui poco cambiava, bretelle comprese, uno dei suoi tratti distintivi. A cambiare non era il piglio, ma solo la grafica dello sfondo per tenere il passo con lo stile dei tempi. Fino al ricovero in ospedale conduceva Larry King Now su Hulu e RT America, nonche' il domenicale Politicking with Larry King sugli stessi due canali online.

Bretelle al chiodo

Nel 2010 era ''giunto il momento di appendere le bretelle al chiodo''Nel corso di oltre mezzo secolo di carriera King ha fatto oltre 50 mila interviste col suo stile inimitabile di domande brevi e in linguaggio semplice.

Ha intervistato tutti i presidenti

Larry King ha intervistato tutti i presidenti in carica da Gerald Ford a Barack Obama (suo ospite alcune settimane fa in occasione del 25/esimo anniversario del suo programma) e divi dello spettacolo come Marlon Brando (che bacio' sulla bocca), Madonna, Paul McCartney. Ma anche leader come Mikhail Gorbaciov e Tony Blair. Per non parlare del presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad. Era stato nel 1992 che i candidati alla campagna presidenziale avevano scoperto la utilita' di una apparizione sul programma televisivo di Larry King. Ma fin dall'esordio del suo programma alla CNN nella lista degli ospiti era comparso l'allora governatore di New York Mario Cuomo. I comici prendevano in giro Larry King per il suo stile da uomo della strada, per le domande sparate con la voce rauca, per le grandi bretelle e il grande microfono stile radio (un richiamo ai suoi inizi radiofonici).

"Mai imparato niente"

''Non ho mai imparato niente mentre parlavo: questo e' sempre stato il mio motto'', amava ripetere Larry King. Ma le sue domande non aggressive, che miravano a far sentire l'ospite a suo agio, hanno prodotto in molti case risposte intime ed interessanti mostrando aspetti inediti della personalita' del suo ospite. Negli ultimi tempi l'audience del suo programma e' comunque progressivamente calato.

''Mi sono stufato del turno di notte - aveva affermato King nel fare il suo annuncio di ritiro dal programma - Ma faro' sicuramente altre cose''. Ma la conferenza telefonica usata per annunciare al suo staff la decisione di ritirarsi ''ha visto i dieci minuti piu' tristi della mia vita'', aveva rivelato.