Venezuela, il golpe fallito è una fregatura americana

A cadere nella trappola di un golpe doveva essere il presidente Maduro, alleato della Russia di Putin, invece ci è cascato il giovane Guaidò, che si è giocato un pezzo di credibilità e forse anche qualche cosa di peggio

Venezuela, il golpe fallito è una fregatura americana

Se non fosse per il clima da guerra fredda tra Mosca e Washington e le sofferenze del popolo venezuelano, ci sarebbe quasi da ridere. Il tentativo di insurrezione del leader dell’opposizione Juan Guaidò, autoproclamatosi mesi fa presidente ad interim, è stata una delle operazioni più maldestre messe in piedi negli ultimi tempi dagli Stati Uniti di Donald Trump. A cadere nella trappola di un golpe doveva essere il presidente Maduro, alleato della Russia di Putin, invece ci è cascato il giovane Guaidò, che si è giocato un pezzo di credibilità e forse anche qualche cosa di peggio se a Caracas dovessero decidere di arrestarlo.

Sembra che qui nessuno impari la lezione: credono ancora agli Stati Uniti. Nel 2001 gli Usa cominciarono la guerra al terrorismo e ci siamo ritrovati il terrorismo in casa. Nel 2003 mentirono spudoratamente sulle armi di distruzione di massa di Saddam e affondarono insieme all’Iraq il Medio Oriente intero. Nel 2011 volevano cacciare Assad che è ancora al suo posto. Nel 2019 hanno detto di avere sconfitto l’Isis ma il terrorismo prosegue e forse gli Usa tengono in vita Al Baghdadi, da loro stessi liberato dal carcere nel 2004, perché gli serve contro l’Iran. Adesso tocca al Venezuela essere travolto dalla propaganda americana. Prima o poi, si spera, si sveglieranno anche quelli che dormono nella nostra ovattata cabina di regia.

Maduro ha chiamato in causa il consigliere per la sicurezza nazionale Usa John Bolton, accusandolo di aver lavorato con "Brasile, Colombia e Cile per architettare un golpe. E’ lo stesso ineffabile Bolton quello che vorrebbe fare la guerra anche all’Iran, a confermarcelo. Il consigliere per la sicurezza nazionale ha dichiarato che “c’era un accordo dietro le quinte. Uomini chiave del regime avrebbero dovuto disertare, spianando la strada alla caduta di Maduro”. Solo all’ultimo momento, spiegano  fonti americane, i militari non se la sono sentita di rivoltarsi contro il presidente Maduro e hanno così vanificato il buon esito dell’operazione.

Insomma in poche parole, se questa versione dei fatti è vera, i vertici della Casa Bianca avrebbero fatto credere a Guaidò di essersi comprati gli uomini della cerchia intorno a Maduro per farlo fuori. Non solo: gli Usa avevano diffuso la notizia, poi ovviamente smentita, che il presidente venezuelano erede di Hugo Chavez era già decollato per Cuba.

E così il colpo di mano di Guaidò è fallito, come pure le successive manifestazioni del primo maggio. “Sembra che i russi abbiamo capito in modo efficace come scoprire il nostro bluff - ha dichiarato a “Politico” Fernando Cutz, ex funzionario del Consiglio di Sicurezza Nazionale di Trump -. Nel momento in cui loro inviano truppe in Georgia, Ucraina, Siria o Venezuela, noi che facciamo? Questo complica i nostri calcoli e dà un vantaggio alla Russia”. Un buco nell’acqua che ha infiammato le linee rosse tra il Cremlino e la Casa Bianca ed è culminato nella burrascosa telefonata tra Mike Pompeo, che ha accusato la Russia di comportamenti “destabilizzanti”, e Sergei Lavrov , il quale ha definito le azioni americane a sostegno di Guaidò come “una grave violazione delle leggi internazionali”.

Pompeo ha accusato del fallito golpe i russi: “Maduro era pronto a scappare a Cuba ma è stato fermato dai russi”. Ma il più comico però rimane Bolton il quale avrebbe ricordato a Mosca che “questo è il nostro emisfero e russi non devono interferire”. Morale: già gli americani hanno combinato disastri in Medio Oriente, adesso rischiano di replicarli nel cortile di casa dove dovrebbero sapere tutto ma rimediano figuracce.