Libia: Trump scarica Tripoli e l’Italia, si schiera dalla parte dell'uomo forte Haftar

Svelata una fondamentale telefonata tra il presidente Usa e il generale libico, sconfessati Pompeo e il capo del Pentagono. E Roma resta con il cerino in mano

Il premier Conte fra Al Sarraj e Haftar
Il premier Conte fra Al Sarraj e Haftar
di C. M.

Alla fine pare che anche Donald Trump abbia scaricato il premier libico Fayez al Sarraj e dato disco verde all'uomo forte della Cirenaica Khalifa Haftar per il suo assalto a Tripoli. Se fosse confermata, la brusca inversione di rotta - che arriva mentre in Libia il numero delle vittime sale a 278 e quello degli sfollati a 36mila - sconfesserebbe il segretario di Stato Mike Pompeo, rinnegando la linea diplomatica sbandierata finora dagli Stati Uniti, e complicherebbe il grande gioco sul futuro del Paese nordafricano, spiazzando anche l'Italia e la sua cabina di regia, nonostante il filo diretto degli ultimi giorni fra il tycoon e il premier Giuseppe Conte.

Gli Usa cambiano strategia

Trump avrebbe dato personalmente il via libera ad Haftar e alla sua offensiva sulla capitale libica in una telefonata il 15 aprile scorso, secondo l'agenzia Bloomberg, che cita come fonti tre dirigenti americani. Ma già una precedente chiamata del consigliere per la Sicurezza nazionale John Bolton aveva lasciato Haftar con l'impressione di un sostegno Usa alla campagna su Tripoli con il suo Esercito nazionale libico, secondo tre diplomatici. Anche la precipitosa fuga del piccolo contingente militare americano in Libia a inizio aprile era stata letta in questa chiave.

L’intermediazione egiziana

La conversazione di Trump con Haftar è avvenuta dopo che il presidente egiziano Abdel Fattah El-Sisi ha incontrato il presidente americano il 9 aprile scorso alla Casa Bianca, sollecitandolo a sostenere il generale libico. Il tycoon ha parlato anche con il principe di Abu Dhabi Mohammed bin Zayed Al Nahyan, un sostenitore di Haftar, il giorno prima che la Casa Bianca diffondesse lo scarno comunicato sulla telefonata. Il resoconto si limitava a dire che Trump aveva discusso "degli sforzi anti-terrorismo in corso" e "riconosciuto il ruolo del feldmaresciallo Haftar nel combattere il terrorismo e nel garantire la sicurezza delle risorse petrolifere libiche".

Smentito anche Pompeo

Ma il riconoscimento sarebbe andato ben oltre, minando il già debole governo del premier Fayez Al-Sarraj, riconosciuto dalla comunità internazionale, e anche lo stesso Pompeo. Pochi giorni prima il capo della diplomazia americana aveva infatti dichiarato che gli Usa si opponevano all'offensiva militare di Haftar, ammonendo il generale libico a fermare le operazioni. Sulla stessa lunghezza d'onda anche il capo del Pentagono ad interim Patrick Shanahan. Inizialmente gli Usa avevano sostenuto una risoluzione britannica al Consiglio di sicurezza dell'Onu per chiedere lo stop dell'assalto da parte di Haftar, ma poi hanno cambiato posizione e da allora domina lo stallo.

Ue paralizzata, non decide da che parte stare

L'Ue è riuscita ad approvare un appello in questa direzione ma non ha nominato Haftar dopo che la Francia ed altri Paesi si erano opposti. Troppi gli interessi in gioco e le alleanze trasversali, sullo sfondo della contrapposizione tra i filo islamisti di Tripoli e Misurata e i loro avversari, ma anche della lotta per il controllo di un Paese strategico sul piano geo-politico ed energetico: Haftar, che tra l'altro è cittadino Usa, è sostenuto da Russia, Francia, Egitto, Arabia Saudita ed Emirati Arabi. Sarraj da Italia, Turchia e Qatar, oltre che dall'Onu. L'unico che ha lanciato un monito a Trump è stato un suo fedelissimo, il senatore Lindsey Graham: "Haftar non può conquistare e tenere Tripoli, ci sarebbe un'altra Siria".

L’Italia a un bivio

Insomma, ormai la maggior parte delle principali cancellerie internazionali si sta schierando a favore di Haftar e l’invito all’Italia ad abbandonare il campo islamista che sostiene Al-Sarraj è già arrivato da più parti. Pare infatti inevitabile che la bilancia finisca per pendere dalla parte di Haftar e l’Italia non potrà fare altro che adeguarsi se vuole mantenere un minimo di rilevanza nel dossier libico. E del resto, se a Tripoli si segnalano manifestazioni anti francesi, a Bengasi se ne registrano altre anti italiane.

La proposta francese all'Italia

La Francia continua a rassicurare l’Italia sulla salvaguardia dei suoi interessi nazionali in cambio della fine del supporto al governo dei Fratelli musulmani a Tripoli, esattamente quanto temuto da Al Sarraj e Maitig. Ma allo stesso tempo, la proposta francese implica anche l’accettazione, per Roma, di un ruolo di secondo piano in Libia e addio alla tanto sbandierata cabina di regia italiana. Non sono pochi gli analisti che individuano come una cattiva idea quella di scommettere su Al Sarraj e pessima invece quella di perseverare nel suo sostegno. Un errore confezionato dal governo Renzi ed ereditato dall’attuale governo, che ora sta mal gestendo un fallimento forse inevitabile, tutto concentrato, come è, sull’ipotesi di un’invasione di profughi dalla Libia. Invasione che l’Onu continua a ritenere improbabile.

I profughi

In Libia ci sono 700.000 migranti "ma non tutti vogliono nuotare nel Mediterraneo. Non dovete ossessionarvi con i centri detenzione, ne abbiamo pochissimi lì. Il flusso di persone che vengono dall'Africa occidentale si è quasi azzerato rispetto a un anno fa". Lo ha detto l'inviato speciale dell'Onu Ghassan Salamè in una conferenza stampa alla Farnesina con il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi subito dopo l’incontro avuto con il premier Conte.