Terapie intensive, la Sardegna supera la soglia critica del 10%

La Sicilia va oltre invece il limite dei ricoveri del 15%

Terapie intensive, la Sardegna supera la soglia critica del 10%
TiscaliNews

La Sardegna oltrepassa la soglia massima del 10% prevista dai nuovi parametri per le terapie intensive portandosi all'11% (+1%) secondo i dati rilevati dall'Agenas e relativi al 16 agosto. Stabile, invece la Sicilia con un 9% per il tasso di occupazione delle intensive. Per le due regioni l'incidenza dei contagi su 100 mila abitanti prevista dai parametri a 50, si attesta a livelli superiori rispettivamente a 147,3 e a 140,16. Stabile il Lazio con il 7% per le intensive ed in crescita Friuli Venezia Giulia e Piemonte dell'1% rispettivamente al 4% e al 2%.

Per quanto riguarda la Sardegna, con il nuovo aumento di ricoverati Covid nei reparti di area medica, l'Ats corre ai ripari e, dopo una riunione sul web con il Commissario straordinario dell'Ares-Ats Massimo Temussi, è stata decisa l'apertura di nuove degenze. Nella riorganizzazione rientrano anche i trasferimenti di pazienti e medici dell'ospedale San Giuseppe di Isili. Lo conferma il direttore sanitario del polo ospedaliero del capoluogo sardo Sergio Marracini. "Domani pomeriggio ci sarà un sopralluogo all'ospedale Marino per valutare l'opportunità di aprire dei reparti no Covid con personale di altri ospedali - dice -. Nel frattempo stiamo spostando i pazienti dalla medicina del Santissima alla medicina di Isili e alla cardiologia del Santissima per ricoverare i pazienti Covid. Poi, probabilmente domani, si chiuderà il pronto soccorso del Santissima per aprire la geriatria Covid". In questo "walzer" Isili e Muravera resteranno no Covid, mentre ci sarà la nuova degenza al Santissima Trinità dove i reparti Covid diventano quattro (tre area medica e una terapia intensiva), mentre restano tre al Binaghi (due in area medica e una rianimazione). Non mancano però le polemiche per il trasferimento dei medici in forze al pronto soccorso di Isili all'unità operativa di medicina. "Questa decisione decreta la chiusura del pronto soccorso di Isili", spiega il Comitato per la Sanità pubblica che annuncia un'assemblea pubblica il 28 agosto "per organizzare la protesta e preparare una nuova marcia su Cagliari.

Sicilia oltre soglia ricoveri al 16%, Calabria al 14%

E' la Sicilia a superare oggi per la prima volta la soglia del 15%, prevista dai nuovi parametri, per i ricoveri in area medica non critica. La regione si attesta, infatti, secondo i dati rilevati da Agenas al 16 agosto, al 16% del tasso di occupazione dei reparti con un aumento dell'1%. In rialzo anche il valore della Calabria al 14% (+1%), della Sardegna a 9% (+1%) e della Basilicata al 10% (+1%)

Tasso occupazione intensive Italia sale al 5% (+1%)

Sale infine il tasso di occupazione dei reparti di terapia intensiva in Italia. Secondo le rilevazioni quotidiane dell'Agenas riferite a ieri, infatti, si attesta al 5% con un incremento dell'1%. Stabile invece il tasso di occupazione dei reparti che resta al 6%. Tutti e due i parametri ampiamento sotto la soglia prevista rispettivamente del 10% e del 15%.