L'Isis attacca diversi villaggi in Siria, rapiti circa 90 caldei. "Vogliamo uno scambio di prigionieri"

L'Isis attacca diversi villaggi in Siria, rapiti circa 90 caldei. 'Vogliamo uno scambio di prigionieri'
TiscaliNews

Sono decine e non centinaia i cristiani assiri rapiti dall'Isis in villaggi nel Nord-Est della Siria, nella provincia di Al Hasakah, secondo quanto riferiscono oggi due ong. Nuri Kino, responsabile dell'organizzazione A Demand for Action (Adfa), che segue la situazione dei cristiani nel Paese, ha detto che secondo le sue informazioni gli ostaggi sono tra 70 e 100. L'Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus) riferisce testimonianze in base alle quali i sequestrati sono 90, ridimensionando comunque precedenti stime. I caldei sono stati presi in ostaggio dall'Isis dopo l'attacco a due villaggi ed è stata bruciata anche una chiesa cattolica. In cambio del rilascio degli ostaggi, l'Isis chiederebbe la liberazione di loro membri. 

Attacchi in diversi villaggi - Secondo quanto riferisce l'agenzia di stampa siriana Sana, i jihadisti hanno lanciato attacchi in diversi villaggi in Siria incluso Tal Hermez, Tal Shamiram, Tal Riman, Tal Nasra, al-Agibash, Toma Yalda and al-Haooz, nell'est del Paese, uccidendo decine di persone. Gli attacchi sono stati compiuti a bordo di veicoli pesanti e i miliziani hanno bruciato una delle chiese più antiche della Siria, a Tal Hermez. La Sana, che cita fonti locali, riferisce che l'obiettivo dell'Isis è quello di aprirsi un passaggio, facendo terra bruciata di questi villaggi, per arrivare al confine con la Turchia e facilitare il passaggio di armi e mercenari. Durante gli attacchi, secondo quanto risulta, le forze della coalizione sorvolavano la zona presa di mira dai jihadisti senza intervenire.

Tremila persone costrette a lasciare le case - Secondo quanto riferisce ancora Kino, circa 3.000 persone sono state costrette a lasciare le loro case. I sequestri, secondo l'Ondus, sono avvenuti nei villaggi di Tel Shemiram e Tel Hermez, vicino alla città di Tel Tamer, teatro di combattimenti tra lo Stato islamico e le milizie curde Ypg, che il mese scorso erano riuscite a cacciare i jihadisti dalla citta' di Kobane. Almeno 14 membri dell'Isis sono stati uccisi negli scontri delle ultime ore.