Tiscali.it
SEGUICI

Friedman: Trump bullo pericoloso, vi spiego quale è il vero obiettivo della sua super bomba

Il noto giornalista americano ha commentato con Tiscali.it l’aggressiva politica estera del neo presidente americano

Michael Pontrellidi Michael Pontrelli   
Friedman: Trump rozzo e pericoloso, vi spiego come vede il mondo e l'uso della forza

Il 7 aprile 59 missili Tomahawk lanciati contro la base aerea di Shayrat in mano al dittatore siriano Bashar al Assad, sei giorni dopo la super bomba Moab, l’ordigno più potente dopo l’atomica, sganciata sulle basi Isis dell’Afghanistan. Cosa ha in mente il neo presidente degli Stati Uniti Donald Trump? Tiscali.it lo ha chiesto al noto giornalista americano Alan Friedman che nel suo ultimo libro, Questa non è l’America, edito in Italia da Newton Compton, ha indagato le ragioni che hanno portato il tycoon alla guida del suo paese.

Il vero bersaglio della super bomba sono la Cina e la Corea del Nord  

Per Friedman gli avvenimenti degli ultimi giorni confermano “che Trump non ha una fine strategia di politica estera ma un approccio rozzo e pericoloso che vuole solo mostrare la forza dell’America in modo minaccioso”. “Il vero bersaglio della super bomba – ha proseguito - non è l’Isis ma Pechino e Pyongyang”. Un modo per far capire chiaramente che “ gli americani possono bombardare anche la Nord Corea”.

Trump vede il mondo e l'uso della forza militare come un reality show 

Per Friedman “Trump vede il mondo e l’uso della forza militare come un reality show. Non ragiona in termini di strategia ma di gesti forti per apparire un presidente muscoloso, un Rambo militare” ma questo modo di fare “rozzo” è rischioso perché “aprire diversi fronti militari in pochi giorni potrebbe diventare pericoloso”. Il noto giornalista condanna dunque nettamente le ultime decisioni prese da Washington: “Non è un modo corretto per gestire la stabilità mondiale e sono preoccupato perché come ho detto più volte nel mio ultimo libro, Trump è un bullo pericoloso”.

Propaganda populista per distrarre opinione pubblica americana 

C’è addirittura un rischio che tutto questo possa portare ad una nuova guerra? “No, in questo momento non vedo questo rischio perché – ha spiegato Friedman – le decisioni di Trump sono anche motivate da obiettivi di politica interna. Sono atti di propaganda populista per distrarre l’attenzione dell’opinione pubblica americana”.

Sempre più evidenza dei legami tra Trump e servizi segreti russi 

Da cosa? Friedman non ha dubbi: “Dal fatto che ogni giorno con sempre maggiore evidenza stanno venendo fuori le prove di contatti illeciti, scorretti e forse illegali tra Trump e i servizi segreti russi durante la campagna elettorale”. Una conferma che questa lettura dei fatti sia quella giusta l’avrebbe data lo stesso figlio di Trump secondo cui “l’aggressività del padre con i russi sarebbe la dimostrazione che non ci sono mai stati contatti tra di loro”. Per Friedman questa è con tutta evidenza “propaganda”.

Europa non può fare niente per fermare l'uso della forza 

L’Europa può fare qualcosa per frenare Trump? La risposta del giornalista americano è netta: “Mi dispiace dirlo perché amo il Vecchio Continente ma in questo momento è tra l’essere marginale e irrilevante. Non parla con voce unita e i giochi si fanno tra Washington, Mosca e Pechino. L’Europa è un benevolo rifugio di diritti umani nel mondo occidentale ma militarmente e nella politica estera conta davvero poco”.

Michael Pontrellidi Michael Pontrelli   
I più recenti
Tra i turisti, nella piscina del resort, si intrufola una lince rossa: il video
Tra i turisti, nella piscina del resort, si intrufola una lince rossa: il video
Iran, morte Raisi: il recupero delle salme
Iran, morte Raisi: il recupero delle salme
Il lutto per Raisi a Mashhad, la città in cui è nato
Il lutto per Raisi a Mashhad, la città in cui è nato
L’automobilista sbaglia pedale e l’auto sfonda un muro del parcheggio multipiano: il video dell’incidente
L’automobilista sbaglia pedale e l’auto sfonda un muro del parcheggio multipiano: il video dell’incidente
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...