Tiscali.it
SEGUICI

Freddo intenso e prolungato: ondata di influenza a Natale, casi e sintomi. Allarme baby polmonite in Francia

Il virologo Pregliasco: “Attenzione a soggetti fragili e bambini”. Dalla Francia boom di polmoniti tra i più piccoli. Il governo cinese: “Non è un nuovo virus ma frutto di agenti patogeni già noti”

Carlo Ferraioli di Carlo Ferraioli   
Freddo intenso e prolungato: ondata di influenza a Natale, casi e sintomi. Preoccupa la baby polmonite asiatica, arrivata in Francia, ma ecco come si difende la Cina
ANSA FOTO

L’ultima ondata di gelo che ha investito l’Italia porta con sé – oltre all’idea di un Natale già vicino – anche e soprattutto febbri, raffreddori e malanni di stagione. Ma se la più classica delle influenze ‘da freddo’ non fa paura, a tenere banco nelle ultime settimane è stata l’avanzata di quello che dovrebbe o potrebbe essere un nuovo e inquietante virus dalla Cina: la cosiddetta ‘polmonite dei bambini’.

Baby-polmonite cinese: nuovo virus?

Un aumento anomalo delle polmoniti nei bambini e nei ragazzi sotto i 15 anni si è registrato negli ultimi venti giorni in Cina prima e in Francia poi, preoccupando e non poco medici e classe politica. Sotto accusa un batterio, il ‘Mycoplasma pneumoniae’, patogeno responsabile di malattie che interessano perlopiù l'apparato respiratorio.

In Italia ancora nessun caso segnalato di questa sospetta polmonite, mentre in Francia l’aumento è stato segnalato già la scorsa settimana: si è registrato infatti un aumento del 44% degli accessi tra 0 e 2 anni, in una sola settimana. Incremento che si dimezza al 23% per la fascia d’età dai 2 ai 14 anni.

In generale, però, la pediatria d’oltralpe risulta in affanno dai dati in quanto raddoppiata – in termini di visite e pazienti – la richiesta di accesso alle strutture rispetto alle ultime due stagioni invernali e a parità di patologie. I sintomi consistono in un forte affaticamento, febbre, tosse persistente e profonda. Sintomatologia che, in Francia, è al momento tra le prime otto cause di ricorso alle cure d'urgenza.

ANSA FOTO

La risposta della Commissione sanitaria nazionale cinese

Tale (nuova) ondata di malattie respiratorie ha spinto l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) a chiedere chiarimenti al governo di Xi Jinping.  Così la Commissione sanitaria nazionale cinese, in un briefing tenuto domenica 26 novembre, ha riferito che “i recenti gruppi di infezioni respiratorie sono dovuti a una sovrapposizione di virus comuni come influenza, rinovirus, virus respiratorio sinciziale o RSV, adenovirus e batteri", proprio come il ‘mycoplasma pneumoniae’, che è un comune responsabile di infezioni del tratto respiratorio e non quindi un nuovo patogeno reo di provocare la baby-polmonite.

La Commissione ha inoltre invitato le autorità locali ad aprire più ambulatori per la cura della febbre e a promuovere le vaccinazioni tra i bambini e gli anziani. "Dovrebbero essere compiuti sforzi per aumentare l'apertura di cliniche ed aree di trattamento, per estendere gli orari di servizio e per aumentare la fornitura di medicinali", ha detto il portavoce Mi Feng, consigliando ancora l'uso delle mascherine e invitando le autorità locali cinesi a concentrarsi sulla prevenzione della diffusione di malattie in luoghi affollati come scuole e case di cura.

ANSA FOTO

Influenza 2023 guastafeste. Casi, sintomi e come prevenirla

"Siamo al secondo livello della curva di crescita, la vera epidemia arriverà col freddo intenso e prolungato. Siamo sì in una fase di crescita delle sindromi parainfluenzali, ma l'influenza non è ancora la protagonista di tali patologie". A fare il punto è Fabrizio Pregliasco, virologo dell'università Statale di Milano che ricorda come "occorre parlare di influenza in presenza di febbre elevata, almeno un sintomo generale e un sintomo respiratorio. Attualmente le analisi virologiche, che si fanno su campione, dimostrano che, come sempre in questa fase, stanno 'lavorando' molto i virus cosiddetti simil-influenzali. L'influenza vera scatterà quando il freddo sarà intenso e prolungato, quindi verosimilmente verso Natale".

"In questo momento - precisa il virologo - siamo a quello che potremo definire il secondo livello della curva di crescita. Il picco quindi si avrà probabilmente tra un mesetto. Ciò per il mix di due fattori: da un lato ci sono più viaggi e spostamenti delle persone che facilitano la circolazione virale, dall’altro il freddo molto intenso e prolungato ci costringe tutti in casa".

Ma particolare attenzione, in questa fase, ricorda l'esperto, va ai fragili e ai bambini: "Devono ancora costruire la loro 'storia immunitaria'. Come sempre serve buon senso. Avere comportamenti premurosi, che abbiamo appreso durante il Covid. Preminente, infine, la vaccinazione, che diventa fondamentale per i soggetti fragili e per quelli più a rischio, per i quali la doppia vaccinazione – contro Covid e influenza – è decisiva".

Carlo Ferraioli di Carlo Ferraioli   
I più recenti
Rafah, quel che rimane della tendopoli dopo il raid israeliano
Rafah, quel che rimane della tendopoli dopo il raid israeliano
Guerra Russia-Ucraina, Macron: l'Europa deve pensare alla propria sicurezza
Guerra Russia-Ucraina, Macron: l'Europa deve pensare alla propria sicurezza
Parigi, 'sugli istruttori militari lavoriamo con Kiev'
Parigi, 'sugli istruttori militari lavoriamo con Kiev'
Usa, il presidente Biden onora i caduti americani nel Memorial Day 2024
Usa, il presidente Biden onora i caduti americani nel Memorial Day 2024
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...