Covid, la Sicilia finisce in “area critica”. La Sardegna migliora ma tocca il 10% delle intensive

In base ai monitoraggi Agenas, la Sicilia ha toccato il 10%, soglia massima prevista dai nuovi parametri mentre la Sardegna ha “decongestionato” i posti in terapia intensiva ma cresce nei reparti

Foto Ansa
Foto Ansa
TiscaliNews

Sicilia in “area critica” per il tasso di occupazione delle terapie intensive e dei reparti. In base ai monitoraggi Agenas, infatti, ha toccato il 10% (+1%) soglia massima prevista dai nuovi parametri. Aumento dell'1% anche per le aree mediche non critiche dove l'isola raggiunge il 17% (ben oltre il limite del 15%). Meglio la Sardegna che 'decongestiona' i posti letto in terapia intensiva con un -2% a 9% ma cresce dell'1% nei reparti toccando il 10%. In crescita le intensive di altre 8 regioni con il balzo della Calabria che tocca il 7% (+3%) e si attesta al 14% per le aree mediche. Al 7% (+1%) la Toscana per le rianimazioni.