Cameron, polemica col papa: "La critica alla religione è libera, dare un pugno è vendetta"

Cameron, polemica col papa: 'La critica alla religione è libera, dare un pugno è vendetta'
TiscaliNews

Il premier britannico David Cameron si è dichiarato in disaccordo con Papa Francesco. In un'intervista rilasciata alla televisione americana CBS, i cui contenuti sono stati anticipati dalla Bbc, Cameron ha affermato: "Credo che in una società libera vi sia il diritto di causare un'offesa alla religione altrui".

Parlare di pugni è parlare di vendetta - Alcuni giorni dopo l'attacco jihadista al settimanale francese Charlie Hebdo, il pontefice aveva detto che se qualcuno insultasse sua madre, si meriterebbe "un pugno". "Non si può provocare, non si può insultare la fede degli altri", mentre "tanta gente che sparla, prende in giro, si prende gioco della religione degli altri", aveva precisato il papa. "Io sono un cristiano - ha spiegato Cameron - se qualcuno dice qualcosa di offensivo su Gesù, io posso trovarlo offensivo, ma in una società libera non ho il diritto di sfogare la mia vendetta contro di lui". Fintanto che le pubblicazioni agiscono "nei limiti della legge" devono avere il diritto di pubblicare qualsiasi materiale, "anche se offensivo per qualcuno".

Il vescovo: stupefatto da Bergoglio - Anche l'ex vescovo di Oxford, Richard Harries, in una lettera all'Independent on Sunday siè detto "stupefatto" per le parole del pontefice: "Il riferimento a un pugno può facilmetne essere interpretato come una giustificazione della violenza in risposta a un insulto".