Tiscali.it
SEGUICI

Cessate il fuoco e soluzioni concordate, appello di Papa Francesco a Putin e Zelenski

Nell’Angelus per la pace il Pontefice ammonisce sul ricorso all’atomica in una guerra di per sé già assurda

Carlo Di Ciccodi Carlo di Cicco   
Foto Ansa
Foto Ansa

Putin e Zelenski chiamati in causa direttamente, ma anche tutti i responsabili delle nazioni chiamati da papa Francesco in causa con l’appello per la pace poiché, quella in corso in Ucraina, appare sempre più il primo atto di una vera e propria guerra mondiale avviata da sette mesi e a rischio di una nuova fase del conflitto con il ricorso evocato alle armi atomiche. Un appello all’Angelus senza precedenti per contenuti e modalità a cercare soluzioni concordate, superando la tentazione dell’odio, partendo da un cessate il fuoco per congelare l’escalation. Il papa è mosso da una preoccupazione enorme all’altezza del pericolo enorme di un allargamento del conflitto senza ritorno.

La grande preoccupazione di Papa Francesco

“L’andamento della guerra in Ucraina – ha detto Francesco alla folla di pellegrini in Piazza san Pietro - è diventato talmente grave, devastante e minaccioso, da suscitare grande preoccupazione. Per questo oggi vorrei dedicarvi l’intera riflessione prima dell’Angelus. Infatti, questa terribile e inconcepibile ferita dell’umanità, anziché rimarginarsi, continua a sanguinare sempre di più, rischiando di allargarsi”. Ascoltandolo si è provato la sensazione di un tentativo estremo del papa afflitto dai “fiumi di sangue e di lacrime versati in questi mesi”, addolorato dalle “migliaia di vittime, in particolare tra i bambini, e le tante distruzioni, che hanno lasciato senza casa molte persone e famiglie e minacciano con il freddo e la fame vasti territori".

Umanità si trova davanti alla minaccia atomica

"Certe azioni – ha scandito il Papa - non possono mai essere giustificate, mai! È angosciante che il mondo stia imparando la geografia dell’Ucraina attraverso nomi come Bucha, Irpin, Mariupol, Izium, Zaporizhzhia e altre località, che sono diventate luoghi di sofferenze e paure indescrivibili. E che dire del fatto che l’umanità si trova nuovamente davanti alla minaccia atomica? È assurdo”. Un appello non improvvisato, ma costruito, ma deciso a fronte della sordità finora dimostrato dalla politica internazionale. “Che cosa deve ancora succedere? Quanto sangue deve ancora scorrere perché capiamo che la guerra non è mai una soluzione, ma solo distruzione? In nome di Dio e in nome del senso di umanità che alberga in ogni cuore, rinnovo il mio appello affinché si giunga subito al cessate-il-fuoco. Tacciano le armi e si cerchino le condizioni per avviare negoziati capaci di condurre a soluzioni non imposte con la forza, ma concordate, giuste e stabili. E tali saranno se fondate sul rispetto del sacrosanto valore della vita umana, nonché della sovranità e dell’integrità territoriale di ogni Paese, come pure dei diritti delle minoranze e delle legittime preoccupazioni”.

Azioni contrarie ai principi del diritto internazionale

Azioni e reazioni degli ultimi giorni, l’annessione forzosa di territori ucraini alla Russia, la reazioni di sanzioni dell’Occidente alla Russia esprimono che la dinamica prevalente dell’attuale geopolitca è la stessa che si è mostrata incapace di evitare il conflitto, di stopparlo subito, di parlarsi con sincerità avendo le persone e la pace al primo posto anziché interessi economici e di potenza. “Deploro vivamente la grave situazione creatasi negli ultimi giorni, con ulteriori azioni contrarie ai principi del diritto internazionale. Essa, infatti, aumenta il rischio di un’escalation nucleare, fino a far temere conseguenze incontrollabili e catastrofiche a livello mondiale”. E proprio l’incontrollabilità di un contenzioso ideologico tra sordi che rende vano ogni sforzo per la pace che invece chiede a tutte le parti di tornare alla moderazione e cercare una composizione ragionevole e veritiera degli interessi in campo. Le parole di Francesco hanno richiamato parole di altri pontefici rimaste inascoltate nella prima e nella seconda Guerra mondiale.

L'appello a Putin e Zelenski

“Il mio appello – ha detto il Papa - si rivolge innanzitutto al Presidente della Federazione Russa, supplicandolo di fermare, anche per amore del suo popolo, questa spirale di violenza e di morte. D’altra parte, addolorato per l’immane sofferenza della popolazione ucraina a seguito dell’aggressione subita, dirigo un altrettanto fiducioso appello al Presidente dell’Ucraina ad essere aperto a serie proposte di pace. A tutti i protagonisti della vita internazionale e ai responsabili politici delle Nazioni chiedo con insistenza di fare tutto quello che è nelle loro possibilità per porre fine alla guerra in corso, senza lasciarsi coinvolgere in pericolose escalation, e per promuovere e sostenere iniziative di dialogo. Per favore, facciamo respirare alle giovani generazioni l’aria sana della pace, non quella inquinata della guerra, che è una pazzia! Dopo sette mesi di ostilità, si faccia ricorso a tutti gli strumenti diplomatici, anche quelli finora eventualmente non utilizzati, per far finire questa immane tragedia. La guerra in sé stessa è un errore e un orrore!”.

Cristiani ricorrano alla preghiera

In coda all’appello drammatico a fermare la guerra, papa Francesco ha messo la richiesta ai cristiani a ricorrere all’unica arma che resta per evitare il peggio: la preghiera. “Confidiamo nella misericordia di Dio, che può cambiare i cuori, e nell’intercessione materna della Regina della pace, nel momento in cui si eleva la Supplica alla Madonna del Rosario di Pompei, spiritualmente uniti ai fedeli radunati presso il suo Santuario e in tante parti del mondo”. Che la guerra in corso sia diventato il primo pensiero dell’azione di Francesco lo si era capito anche nell’incontro con i gesuiti in Kazakistan dove a metà settembre aveva partecipato all’incontro dei leader delle religioni mondiali per la pace. Anche allora non aveva esitato ad affermare: “È in corso una guerra e credo sia un errore pensare che sia un film di cowboy dove ci sono buoni e cattivi. Ed è un errore anche pensare che questa è una guerra tra Russia e Ucraina e basta. No: questa è una guerra mondiale”. Dopo l’Angelus odierno il papa ha espresso vicinanza alle popolazioni di Cuba e Florida colpite dall’uragano e ha pregato “anche per quanti hanno perso la vita e sono rimasti feriti negli scontri scoppiati dopo una partita di calcio a Malang in Indonesia”.

Carlo Di Ciccodi Carlo di Cicco   

I più recenti

La missione Odysseus compie storico sbarco sulla Luna
La missione Odysseus compie storico sbarco sulla Luna
Ucraina-Russia, 2 anni di guerra: cosa è cambiato dal 2022 a oggi
Ucraina-Russia, 2 anni di guerra: cosa è cambiato dal 2022 a oggi
A Valencia 'vari corpi carbonizzati localizzati dai droni'
A Valencia 'vari corpi carbonizzati localizzati dai droni'
Capo dell'Unrwa, l'agenzia ha toccato un punto di rottura
Capo dell'Unrwa, l'agenzia ha toccato un punto di rottura

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...