Tiscali.it
SEGUICI

Clima, Oxfam: da paesi ricchi meno di un terzo aiuti annunciati

di Askanews   
Clima, Oxfam: da paesi ricchi meno di un terzo aiuti annunciati

Roma, 5 giu. (askanews) - Mentre le emissioni globali di gas serra continuano ad aumentare, i Paesi più ricchi e inquinanti sono indietro di tre anni nel rispetto dell'impegno di stanziare 100 miliardi all'anno in aiuti ai Paesi a basso e medio reddito che sono gli ultimi responsabili e le prime vittime del caos climatico in atto. Le cifre annunciate sugli aiuti erogati sono inoltre di gran lunga inferiori rispetto a quelle reali.A denunciarlo è il nuovo rapporto, lanciato oggi da Oxfam, in occasione in occasione della Giornata mondiale dell'ambiente e del vertice sul clima dell'UNFCCC, in programma a Bonn fino al 15 giugno.Il dossier mostra infatti, che nonostante i Paesi donatori affermino di aver stanziato 83,3 miliardi di dollari in aiuti nel 2020, di fatto ne hanno stanziato soltanto tra i 21 e i 24,5 miliardi di dollari. Ciò perché di molti dei progetti finanziati è stato sopravvalutata l'effettiva portata nel contrastare la crisi climatica o perché sono stati erogati sotto forma di prestiti al loro valore nominale, aggravando il peso del debito estero di economie già fragilissime e fortemente indebitate, ancor di più in un periodo in cui i tassi di interesse stanno schizzando alle stelle.Oltre la metà degli aiuti è erogata sotto forma di prestiti Più della metà di tutti i finanziamenti per l'adattamento ai cambiamenti climatici ai Paesi più poveri viene attualmente erogata sotto forma di prestiti: la Francia eroga ben il 92% degli aiuti bilaterali sul clima in questa forma, l'Austria i 72%, il Giappone 90%, la Spagna l'89%. Nel 2019-20, il 90% di tutti i finanziamenti per il clima forniti dalle banche multilaterali di sviluppo, come la Banca Mondiale, è stato erogato secondo queste modalità.

"Tutto questo è profondamente ingiusto - ha dichiarato Nafkote Dabi, policy advisor di Oxfam sulla crisi climatica - I Paesi ricchi trattano con disprezzo i Paesi più poveri e rendono inefficaci i negoziati sul clima, facendo un gioco pericoloso in cui saremo tutti perdenti".Per sfamare cani e gatti negli Stati Uniti si spende quattro volte quanto stanziato per l'adattamento dei Paesi poveri alla crisi climaticaOxfam stima inoltre che nel 2020 solo tra i 9,5 e gli 11,5 miliardi di dollari siano stati destinati a sostenere la capacità di adattamento dei Paesi a basso e medio reddito. Basti pensare che negli ultimi tre anni in India, Pakistan e America centro-meridionale si sono verificate ondate di calore record, seguite da inondazioni che solo in Pakistan hanno colpito oltre 33 milioni di persone, e i paesi dell'Africa orientale stanno affrontando la peggiore siccità degli ultimi 40 anni, che rischia di uccidere per fame in media 1 persona ogni 28 secondi nei prossimi mesi."11,5 miliardi all'anno sono del tutto insufficienti in Paesi a basso e medio reddito dove si devono affrontare inondazioni, uragani, incendi, siccità - continua Dabi - Basti pensare che negli Stati Uniti si spende quattro volte di più ogni anno per nutrire cani e gatti. Nel frattempo, nonostante la loro estrema vulnerabilità, i Paesi più poveri del mondo sono spinti paradossalmente verso un livello di indebitamento insostenibile".D'altro canto nemmeno si è avverata la possibilità per i Paesi a basso e medio reddito di attrarre investimenti dal settore privato, raccogliendo solo 14 miliardi di dollari all'anno, principalmente per la mitigazione. Secondo gli analisti di Oxfam è poi quasi impossibile rintracciare dettagli su come venga utilizzato questo tipo di finanziamento privato o su chi effettivamente ne benefici. Secondo un recente rapporto dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), i finanziamenti privati per l'adattamento sono aumentati notevolmente da 1,9 miliardi di dollari nel 2018 a 4,4 miliardi di dollari nel 2020, principalmente per via di un mega progetto di energia a gas naturale in Mozambico che non prevede però eventuali attività di adattamento. Altra fonte di preoccupazione è che i finanziamenti per "le perdite e i danni" (impatti climatici irreversibili su cui non possono più valere interventi di mitigazione o adattamento) non abbiano ancora una collocazione certa nell'architettura internazionale della finanza climatica. Le esigenze finanziarie per perdite e danni sono urgenti e le stime indicano che i Paesi a basso e medio reddito potrebbero dover sostenere costi fino a 580 miliardi di dollari all'anno entro il 2030. L'appello per un aumento effettivo degli aiuti erogati come sovvenzioni e non come prestiti È fuor di dubbio che le deliberazioni in corso a Bonn, nell'ambito della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) per stabilire un nuovo obiettivo globale sulla mobilitazione dei finanziamenti per il clima dal 2025 in poi, rappresentino un'opportunità per ricostruire la fiducia tra i paesi ricchi e quelli a basso e medio reddito. Ma se gli errori del passato non verranno risolti, questa iniziativa fallirà prima di iniziare. Da qui l'appello urgente di Oxfam per un aumento effettivo e consistente degli aiuti essenziali ad aiutare i Paesi più poveri a mitigare gli effetti della crisi climatica. Stanziandoli sotto forma di sovvenzioni e non come prestiti.

di Askanews   

I più recenti

Capo dell'Unrwa, l'agenzia ha toccato un punto di rottura
Capo dell'Unrwa, l'agenzia ha toccato un punto di rottura
Putin in volo sul nuovo bombardiere nucleare
Putin in volo sul nuovo bombardiere nucleare
Cameron affronta Lavrov sulla morte di Navalny al G20 di Rio
Cameron affronta Lavrov sulla morte di Navalny al G20 di Rio
Biden ha incontrato in California moglie e figlia Navalny
Biden ha incontrato in California moglie e figlia Navalny

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...