Tiscali.it
SEGUICI

Trump, terza volta in tribunale per sovversione: "Ancora una incriminazione e vinco le elezioni"

L'ex presidente di fronte al giudice per l'assalto armato a Capitol Hill che sarebbe stato favorito da lui. Nessun pentimento, e nessuna paura

TiscaliNews   
Donald Trump sotto la pioggia dopo essere comparso in aula (Ansa)
Donald Trump sotto la pioggia dopo essere comparso in aula (Ansa)

Un presidente che sobilla la rivolta armata contro le stesse istituzioni che rappresenta e dovrebbe difendere. Per la terza volta in pochi mesi, Donald Trump si presenta in tribunale per ascoltare le accuse a suo carico e, per la terza volta, si dichiara non colpevole al termine di un'udienza durata 27 minuti. "Oggi è un giorno triste per l'America. Contro di me è in atto una persecuzione, una persecuzione condotta da un avversario politico contro qualcuno che è avanti nei sondaggi. Non possiamo permettere che questo accada", dice Trump una volta lasciato il tribunale, in una dichiarazione sotto la pioggia sulla pista dell'aeroporto Reagan. E aggiunge: "Nonostante il fatto che sono dovuto andare in una Washington sporca, decadente e molto pericolosa e che poi sono stato arrestato dal mio avversario politico il 'corrotto Joe Biden', che sta perdendo con me nei sondaggi, è stata una buona giornata!".

Una pagina buia della storia americana

L'ex presidente nell'aula del tribunale di Washington era circondato dai suoi legali e siede a pochi metri da Jack Smith, il suo grande accusatore. Il procuratore speciale lo ha incriminato non solo per le carte segrete a Mar-a-Lago ma per l'assalto a Capitol Hill del 6 gennaio 2021, una delle pagine più buie della storia americana avvenuta proprio a pochi metri dalla corte federale nella quale si presenta Trump. Sono proprio i quattro capi di accusa per il 6 gennaio e il suo tentativo di sovvertire le elezioni che l'ex presidente ha affrontato nella capitale americana, dove è arrivato a bordo del suo aereo privato e da dove è ripartito subito dopo l'udienza preliminare.

La versione di Trump

In aula Trump ha pronunciato poche parole rispondendo alle domande di base del magistrato Moxila Upadhyaya: ha confermato il suo nome, la sua età e ha risposto "no" alle domande sull'assunzione di medicinali o stupefacenti. Una volta lette le accuse a suo carico Trump si è dichiarato non colpevole. Il magistrato ha fissato la prossima udienza per il 28 agosto e ha imposto all'ex presidente di non discutere con nessuno che potrebbe essere ritenuto un testimone il suo caso, oltre a rispettare la legge federale e statale e presentarsi alle udienze che saranno stabilite andando avanti.
L'appuntamento del 28 agosto mostra il sempre più complicato calendario elettorale e legale dell'ex presidente. Il 23 agosto infatti è in programma il primo dibattito fra i candidati repubblicani alla Casa Bianca. Due giorni dopo, il 25, è fissata un'udeinza per il caso delle carte segrete a Mar-a-Lago. E senza contare che l'ex presidente rischia una quarta incriminazione per le interferenze sul voto in Georgia.

"Ancora una e vinco le presidenziali"

"Mi serve un'altra incriminazione per vincere" ha detto quasi ironicamente alla sua base tramite Truth. Proprio al suo pubblico Trump si è rivolto, suonando la carica, poco prima di entrare in tribunale. "Non è colpa mia se il mio avversario politico nel partito democratico, il 'corrotto' Joe Biden, ha detto al suo procuratore generale di accusare il principale (di gran lunga!) candidato repubblicano ed ex presidente degli Stati Uniti di tutti i crimini possibili così da costringerlo a spendere tutti i soldi per la difesa", ha attaccato il tycoon sul suo social Truth ribadendo che le incriminazioni contro di lui sono "una strumentalizzazione della giustizia senza precedenti e aggiungendo che "gliene basta un'altra per assicurarsi la vittoria al 2024".

A destra maggioranza per Trump, Biden "eletto con l'imbroglio"

Secondo l'ultimo sondaggio della Cnn, comunque, l'elettorato del Grand old party è ancora dalla parte di Trump. Ben il 69% dei repubblicani o simpatizzanti ritiene che la vittoria di Biden fosse illegittima, un dato in aumento rispetto al 63% dell'inizio dell'anno. Non solo, di questi il 39% ritiene che ci siano prove concrete che le elezioni siano state truccate, mentre il 30% ha soltanto il "sospetto". Mentre Trump domina la scena, Joe Biden e la First Lady Jill si sono ritirati nella loro casa al mare a Rehoboth Beach. Tra passeggiate in bicicletta e visite in chiesa, il presidente punta mantenere un profilo basso e provare, per quanto possibile, a tenersi alla larga da Washington e dai guai giudiziari del suo avversario

TiscaliNews   
I più recenti
Cina, fazioni Palestina insieme su governo riconciliazione
Cina, fazioni Palestina insieme su governo riconciliazione
Media, Harris ha delegati sufficienti per la nomination
Media, Harris ha delegati sufficienti per la nomination
Joe Biden torna oggi alla Casa Bianca dopo il ritiro
Joe Biden torna oggi alla Casa Bianca dopo il ritiro
Harris, 'aborto e stretta sulle armi al centro della campagna'
Harris, 'aborto e stretta sulle armi al centro della campagna'
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...