Tiscali.it
SEGUICI

[Il punto] Whirlpool cede lo stabilimento di Napoli: 430 lavoratori a rischio. Sindacati sul piede di guerra

Per i dipendenti del sito campano si delinea un futuro pieno di incognite. Incontro teso tra azienda e sindacati che dichiarano lo sciopero. Si attende un incontro al Mise. Chiesto l’intervento del governo

Ignazio Dessìdi I. Dessì   
Whirlpool
Whirlpool

Per i 430 lavoratori della Whirlpool di Napoli si delinea un futuro pieno di incognite, dopo l’annuncio a sorpresa della vendita dello stabilimento. A Roma c’è stato un incontro molto teso tra la direzione aziendale e i sindacati Fim, Fiom e Uilm per analizzare l’accordo dell'ottobre scorso. I rappresentanti dei lavoratori criticano con durezza il gruppo statunitense evidenziando come l’accordo parlasse di investimenti per tutti i siti per tre anni. Per questo hanno dichiarato battaglia ed hanno trovato al loro fianco subito i lavoratori della fabbrica di Varese che hanno già iniziato uno sciopero per solidarietà.

La nota della Fiom 

Con una nota la Fiom-Cgil accusa di “tradimento la Whirlpool” e la leader Francesca Re David annuncia uno “sciopero immediato”. Invita quindi l'azienda a rispettare il piano industriale siglato al ministero, anche perché “usufruisce di tutto il sostegno possibile attraverso gli ammortizzatori sociali dopo l’acquisizione di Indesit”. Per cui “ora basta – sbotta la segretaria Fiom – Non ci stiamo ai licenziamenti per delocalizzazione”.

La dichiarazione della Ugl

Allo stato di agitazione aderisce anche la Ugl Metalmeccanici. “Pensavamo di discutere una situazione di criticità, non certo una svendita”, sottolinea il segretario generale Antonio Spera.

Whirlpool, dipendenti in agitazione

Incontro il 4 giugno

Dopo l’annuncio delle intenzioni di vendita dell’azienda di Napoli, una delegazione di sindacalisti si è precipitata al Mise, denunciando la gravità della situazione e chiedendo l’immediata attivazione di un tavolo. Così, stando a quanto riferisce una nota di  Fiom, Fim, Uilm, Fismic, Uglm, è stato fissato per il 4 di giugno un incontro con il ministro Luigi Di Maio. I sindacati credono inevitabile che l’esecutivo chieda a Whirlpool il rispetto dell’accordo del 25 ottobre 2018, sottoscritto anche dallo stesso ministro”. Aggiungono che “qualsiasi ipotesi di modifica del piano e di chiusura di stabilimenti è inaccettabile".

Landini: "Non è accettabile"

Sulla vicenda è intervenuto anche il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, per il quale “chiudere quello stabilimento è una cosa gravissima e non è accettabile”. Non va dimenticato inoltre che “meno di un anno fa è stato fatto un accordo al ministero che prevedeva invece investimenti oltre al mantenimento delle attività produttive”. E' indispensabile quindi “una risposta immediata”, perché “Napoli e il Mezzogiorno hanno pagato già abbastanza”. Landini chiede per questo un puntuale intervento del governo in modo da far recedere dai suoi propositi la multinazionale.

Ignazio Dessìdi I. Dessì   

I più recenti

Urso, Byd in Italia? Abbiamo contatti con diverse case auto
Urso, Byd in Italia? Abbiamo contatti con diverse case auto
Il Fondo Cometa chiederà diritti e salute ad Apple in assemblea
Il Fondo Cometa chiederà diritti e salute ad Apple in assemblea
I giapponesi sono sempre meno: nel 2023 crollate le nascite
I giapponesi sono sempre meno: nel 2023 crollate le nascite
Oikos, la pittura ecologica compie 40 anni
Oikos, la pittura ecologica compie 40 anni

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...