Tiscali.it
SEGUICI

Un'analisi di Nespresso e Ainem ci spiega quanto è italiano bere il caffé

di Askanews   
Loading...
Codice da incorporare:

Milano, 15 feb. (askanews) - Come vi piace sorseggiare il caffè? Da soli al bar, con i colleghi, in salotto con la famiglia o gli amici? Sapete che tutto ciò che ci circonda: colori, profumi, suoni e, soprattutto, la musica può avere un'importante influenza sul nostro modo di gustare e apprezzare il caffè?È quanto emerso da una ricerca di Nespresso e Ainem (Associazione italiana di neuromarketing) nata allo scopo di misurare le connessioni tra caffè, emozioni e il concetto stesso di italianità. Anche perché, pur non essendo il caffè un prodotto tipicamente italiano (le prime tracce risalgono all'Etiopia del '700 dopo Cristo), proprio l'Italia, oggi, è tra i maggiori consumatori di caffè al mondo, con una media di 95 milioni di tazzine di caffè bevute ogni giorno.Un posto dove la classica "tazzulella e cafè" è diventata quasi un rito quotidiano, parte integrante della nostra cultura, come hanno spiegato Valeria Casani, direttrice Marketing di Nespresso Italiana e Vincenzo Russo, membro del Comitato scientifico di Ainem e professore ordinario di Psicologia dei Consumi e Neuromarketing all'Università IULM.

"È stata una ricerca molto importante per noi - ha spiegato Valeria Casani - perché ha dimostrato, scientificamente, la capacità dei caffè di evocare l'Italia ma non soltanto l'Italia, anche ricordi come la famiglia, le relazioni e la casa"."Abbiamo utilizzato tecniche un po' particolari - ha aggiunto Vincenzo Russo - strumenti neuroscientifici, per andare a misurare quello che generalmente non ci viene dichiarato. Un elettroencefalogramma per vedere quale parte del cervello si attiva ci ha dimostrato che la dimensione emozionale provocata dal caffè è particolarmente forte, non solo è particolarmente forte la dimensione emozionale ma anche il processo cognitivo legato alla memorizzazione. Quindi, è come se il caffè e la sua forte connessione con l'italianità ci facesse venire in mente i non solo i ricordi, magari anche quelli delle nostra infanzia, a maggior ragione quelli che hanno a che fare con la famiglia che è un concetto tipicamente italiano. Quindi ulteriormente riscontriamo, grazie a questo forte collegamento tra caffè italianità e processo cognitivo come c'è un collegamento diretto tra caffè, italianità e famiglia".Dal battito cardiaco, alle variazioni sulla pelle, fino all'emotional index, cioé l'indice di interesse cerebrale, Nespresso e Ainem - come ha fatto Miriam Leone, protagonista della campagna Unforgettable Favorites di Nespresso - hanno voluto esplorare il rapporto degli Italiani con il caffè a livello inconscio con un vero e proprio viaggio in Italia attraverso i gusti del caffé e le emozioni che essi evocano."È chiaro che la degustazione è un complesso processo in cui c'è la vista di cui noi abbiamo una forte dominanza - ha precisato Russo - c'è l'olfatto e c'è, ovviamente, anche il gusto e ricordiamoci sempre che il gusto non si costruisce in bocca ma si costruisce nel cervello. Quindi tutte le aspettative, relative appunto a quell'esperienza, hanno una potenza evocativa impressionante"."I protagonisti di questa analisi - ha concluso Casani - sono i nostri caffè d'ispirazione italiana, ispirati proprio al gusto degli italiani e alla tradizione del caffè italiano, in particolare sono Roma, Venezia e Ristretto".

di Askanews   
I più recenti
Salvini: sì a autovelox salvavita ma stop a nuova tassa lavoratori
Salvini: sì a autovelox salvavita ma stop a nuova tassa lavoratori
Caradonna (FerrovieNord): Non dobbiamo cancellare la nostra storia
Caradonna (FerrovieNord): Non dobbiamo cancellare la nostra storia
Il ruolo delle pavimentazioni urbane sul clima
Il ruolo delle pavimentazioni urbane sul clima
Lo spread tra Btp e Bund si stringe a 127,9 punti
Lo spread tra Btp e Bund si stringe a 127,9 punti
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...