Tiscali.it
SEGUICI

Turchia, volano (+13%) le esportazioni nel 2022, a livelli record

di Askanews   
Turchia, volano (+13%) le esportazioni nel 2022, a livelli record

Roma, 2 gen. (askanews) - Le esportazioni turche hanno raggiunto un livello record lo scorso anno grazie al crollo del valore della lira che ha reso i prodotti delle imprese più competitivi all'estero, mentre il Paese ha anche beneficiato anche di legami economici più stretti con la Russia. La Turchia ha registrato un aumento del 13% delle esportazioni in valore, con vendite che hanno raggiunto i 254 miliardi di dollari nel 2022, ha dichiarato oggi il presidente Recep Tayyip Erdogan, in un discorso televisivo."In un momento in cui il mondo è alle prese con gravi problemi politici ed economici, non è stato facile continuare investimenti ininterrotti, aumentare l'occupazione e aumentare le esportazioni", ha affermato. "Questo dimostra che la Turchia non è più un Paese schiacciato dalle crisi, ma un Paese che gestisce le crisi".La Turchia - riporta il Financial Times - si è insinuata nel vuoto creato dalle sanzioni occidentali e ha commerciato di più con la Russia nell'ultimo anno.

Solo a dicembre, le esportazioni verso la Russia sono più che raddoppiate a 1,31 miliardi di dollari, ha affermato il ministero del Commercio. La Turchia ha rifiutato di aderire alle sanzioni contro la Russia, sostenendo che un approccio equilibrato può aiutarla a mediare tra Kiev e Mosca. Erdogan ha aiutato a mediare un accordo a luglio per consentire all'Ucraina di esportare il suo grano nonostante il blocco russo dei suoi porti.L'impennata delle esportazioni è una buona notizia economica per il presidente, che rischia la rielezione a giugno.Una crisi del costo della vita aveva intaccato la popolarità del suo partito. L'inflazione è stata superiore all'80% per mesi, in gran parte a causa delle sue politiche monetarie poco ortodosse. Su ordine di Erdogan, la banca centrale ha ridotto il tasso di interesse di riferimento al 9%, tagliando quasi il 30% del valore della lira rispetto al dollaro nell'ultimo anno.La lira debole ha aumentato il deficit commerciale della Turchia a 110,2 miliardi di dollari nel 2022, poiché il costo delle importazioni è salito del 34% a 364,4 miliardi di dollari, secondo i dati del ministero del Commercio. La Turchia è un importante importatore di petrolio greggio e altri prodotti energetici. Il Brent, il principale benchmark internazionale del petrolio, è aumentato di oltre il 10% in dollari nel 2022, chiudendo l'anno intorno agli 85 dollari al barile.Le politiche di crescita a tutti i costi di Erdogan si concentrano sulla lira svalutata che stimola la produzione e su prestiti a buon mercato che incoraggiano la spesa.Nei giorni scorsi, Erdogan ha svelato misure di stimolo più popolari, tra cui il pensionamento anticipato per milioni di lavoratori e il raddoppio del salario minimo a 8.500 TL, o 455 dollari al mese.L'aumento del salario minimo - sottolinea il Ft -fornirà un grande impulso ai salari dei lavoratori in tutta l'economia turca, non solo quelli sul gradino più basso della scala salariale. JPMorgan ha affermato che gli aumenti salariali innescherebbero un'esplosione di attività economica nel primo trimestre, con la produzione che ora dovrebbe aumentare a un tasso annualizzato del 7,8%, rispetto alla precedente previsione del 5,3%.

di Askanews   
I più recenti
Previsti investimenti record per il petrolio dell'America Latina
Previsti investimenti record per il petrolio dell'America Latina
Il petrolio chiude in calo a New York a 80,53 dollari
Il petrolio chiude in calo a New York a 80,53 dollari
Apple ritarda il lancio di nuove funzionalità IA in Europa
Apple ritarda il lancio di nuove funzionalità IA in Europa
Borsa: Milano in calo con le banche e con Tim
Borsa: Milano in calo con le banche e con Tim
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...