Tiscali.it
SEGUICI

Settore costruzioni: bene il 2023, ma atteso un calo

di Adnkronos   
Settore costruzioni: bene il 2023, ma atteso un calo

(Adnkronos) - Se il 2023 si è chiuso in generale miglioramento per il settore delle costruzioni con un +5%, per il 2024 è previsto un calo del 7,4%. Sono questi alcuni degli indicatori principali emersi dell’Osservatorio congiunturale sull’industria delle costruzioni elaborato da Ance, Associazione nazionale costruttori edili. La previsione negativa per il settore giunge dopo diversi anni consecutivi di crescita. In particolare, negli ultimi tre anni, dal 2021 al 2023, gli investimenti settoriali sono cresciuti di circa 75 miliardi di euro, andando a recuperare, almeno in parte, le perdite del precedente periodo, quantificate in circa 92 miliardi tra il 2008 e il 2020. A fare da traino dell’intero comparto, dove per altro la crescita risulta piuttosto trasversale, il settore della riqualificazione immobiliare ancora sostenuta dagli incentivi fiscali. Importante anche la spinta delle opere pubbliche, la cui accelerazione è stata stimolata dai fondi provenienti dal Pnrr e dalla chiusura dei fondi strutturali 2014-2020.

Entrando nel dettaglio dei numeri, nel 2023 la spinta prodotta dai bonus edilizi ha generato lavori per complessivi 80 miliardi di euro, di cui 44 rappresentati dal Superbonus, portando alla crescita dello 0,7% del comparto delle abitazioni. Ancora più significativa la crescita delle opere pubbliche (+18%) sostenute dal Pnrr, dai fondi UE e dall’aumento della spesa dei comuni in lavori e opere pubbliche, cresciuta del 41% su base annua, da 13,2 miliardi del 2022 a 18,6 miliardi del 2023. Il calo previsto del 7,4% per il 2024 è legato a diversi elementi. Primo fra tutti il termine del Superbonus per l’efficientamento degli immobili residenziali, oltre alla mancata concessione della cessione del credito e dello sconto in fattura, opzioni molto utilizzate dai committenti dei lavori. Senza dimenticare il ridimensionamento degli incentivi per l’efficientamento energetico e sismico che nelle stime potrebbero portare a una diminuzione del 27% degli interventi di riqualificazione abitativa. Indicatori negativi, però, vengono segnalati anche per la nuova edilizia residenziale (-4,7%) e non residenziale privata (-1%). A controbilanciare almeno in parte questi trend negativi, la dimensione delle opere pubbliche con una crescita importante stimata attorno al 20% e strettamente connessa alla necessaria spinta del Pnrr che, per altro, non sarà sufficiente a bilanciare il calo del settore delle costruzioni. Infatti, se l’applicazione del Pnrr ha inizialmente condotto a un’accelerazione per le fasi di aggiudicazione dei lavori, si registrano invece rallentamenti nella fase realizzativa specie delle grandi opere pubbliche. Sulla base di un’analisi Ance, ad oggi stentano a partire grandi cantieri aggiudicati per complessivi 9 miliardi di euro, specie a causa di problemi di autorizzazioni in materia ambientale, sovrapposizione di regimi normativi differenti e carenze progettuali.

di Adnkronos   

I più recenti

Violenza su donne, a Maddaloni prima tappa progetto Codere 'Innamòrati di Te'
Violenza su donne, a Maddaloni prima tappa progetto Codere 'Innamòrati di Te'
Quanto vale il patrimonio immobiliare dello Stato?
Quanto vale il patrimonio immobiliare dello Stato?
Il gas chiude in calo a 23,19 euro al MWh al Ttf di Amsterdam
Il gas chiude in calo a 23,19 euro al MWh al Ttf di Amsterdam
Lo spread tra Btp e Bund tedeschi chiude in calo a 146,9 punti
Lo spread tra Btp e Bund tedeschi chiude in calo a 146,9 punti

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...