Tiscali.it
SEGUICI

Scontrino elettronico, sanzioni con ravvedimento operoso entro il 15 dicembre: le novità del DL energia

Non scatterà la sanzione accessoria della sospensione della licenza o dell’attività per chi regolarizzerà la propria posizione entro la scadenza del 15 dicembre

di Adnkronos   
Scontrino elettronico, sanzioni con ravvedimento operoso entro il 15 dicembre: le novità del DL...

Scontrino elettronico, violazioni con ravvedimento operoso sulle sanzioni anche dopo la constatazione da parte dell’Agenzia delle Entrate. Questa la principale novità fiscale contenuta nel testo del decreto energia approvato dal Governo il 25 settembre. Non una sanatoria sulle sanzioni applicate in caso di omessa o irregolare certificazione dei corrispettivi, ma la possibilità di utilizzare il ravvedimento operoso ordinario anche per le violazioni già constatate, entro il 31 ottobre 2023. Non scatterà la sanzione accessoria della sospensione della licenza o dell’attività per chi regolarizzerà la propria posizione entro la scadenza del 15 dicembre. 

La sanatoria sulle sanzioni relative allo scontrino elettronico, che avrebbe consentito di regolarizzare errori o omissioni pagando l’importo dovuto ridotto a un diciottesimo, lascia spazio al ravvedimento operoso ordinario. Le novità per le partite IVA previste dal testo del decreto energia approvato in Consiglio dei Ministri il 25 settembre sono notevolmente ridimensionate rispetto a quanto previsto da una prima bozza del provvedimento. 

Il ravvedimento operoso si applicherà secondo le regole ordinarie, ma anche in caso di violazioni già constatate non oltre la data del 31 ottobre 2023. Il periodo interessato è quello compreso dal 1° gennaio 2022 al 30 giugno 2023 e per completare la procedura di regolarizzazione ci sarà tempo fino al 15 dicembre. L’obiettivo della norma è chiaro: il Governo punta ad agevolare le partite IVA obbligate alla certificazione giornaliera dei corrispettivi, favorendo l’adempimento spontaneo e l’emersione delle basi imponibili. Il ravvedimento operoso sarà esercitabile a patto che le violazioni non siano già state contestate.

 

 

 

 

 

La norma introdotta dal decreto energia è stata definita “salva commercio”, non tanto per la possibilità di beneficiare del ravvedimento operoso ma in ragione dell’ulteriore novità prevista dal testo del provvedimento.

Al ravvedimento anche post constatazione si affianca infatti la sospensione della sanzione accessoria, applicata in caso di quattro violazioni in cinque anni - anche se relative a giorni diversi - che comporta la sospensione della licenza o dell’attività, fino a sei mesi in caso di violazioni in materia di certificazione dei corrispettivi di importo superiore a 50.000 euro.

 

Il decreto energia salva quindi circa 50.000 partite IVA dalla chiusura, a patto che entro il 15 dicembre vengano regolarizzate le violazioni commesse mediante il ricorso al ravvedimento operoso e secondo i criteri previsti dalla nuova norma.

di Adnkronos   
I più recenti
Lo spread tra Btp e Bund chiude stabile a 153 punti
Lo spread tra Btp e Bund chiude stabile a 153 punti
Borsa: l'Europa chiude in rialzo con Parigi a +0,91%
Borsa: l'Europa chiude in rialzo con Parigi a +0,91%
Poste: nasce premio giornalistico 'Tg Poste' alla scoperta di nuovi talenti dell'informazione
Poste: nasce premio giornalistico 'Tg Poste' alla scoperta di nuovi talenti dell'informazione
Il Fmi preoccupato per l'aumento delle disuguaglianze con l'Ia
Il Fmi preoccupato per l'aumento delle disuguaglianze con l'Ia
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...