Manovra, Cgil e Uil proclamano 8 ore sciopero generale il 16 dicembre. Orlando: "Siamo sorpresi"

Prevista una manifestazione in piazza del Popolo a Roma. Il ministro del Lavoro: "Non è una scelta scontata". Re David: "Legge che va contro i giovani e le donne"

Manovra, Cgil e Uil proclamano 8 ore sciopero generale il 16 dicembre. Orlando: 'Siamo sorpresi'
TiscaliNews

Una manovra "insoddisfacente" che non risponde alle richieste dei lavoratori e dei pensionati. Per questo contro la Manovra redatta dal governo Draghi, Cgil e Uil hanno proclamato per il 16 dicembre lo sciopero generale con manifestazione a Roma, in piazza del Popolo, e in altre 4 città. Una decisione che lascia interdetto il governo. "Ho letto le motivazioni" dello sciopero "e francamente non posso nascondere una certa sorpresa. La manovra è una manovra che come tutte può avere luci ed ombre ma sicuramente rafforza le garanzie per i lavoratori, aumenta le risorse sul fronte del sociale, e anche con la scelta di investire gran parte tesoretto fiscale sul fronte Irpef", ha detto il ministro del lavoro Andrea Orlando a Radio anch'io su Radio 1. "Sicuramente non è una riforma che penalizza lavoratori e pensionati - ha aggiunto - Ritengo legittima la scelta del sindacato, rispettabile, ma non la definirei affatto scontata o dovuta".

"E' una finanziaria contro i giovani e contro le donne"

A rispondere a stretto giro è la segretaria Fiom Francesca Re David. "Io credo che ci sarebbe stato meno sbigottimento - infatti credo non sia adeguata questa parola e ne dubito molto - se si fosse dato credito e ascolto a quello che chi rappresenta i lavoratori ha detto in tutte queste settimane. Le cose anche positive vengono dagli accordi di questa maggioranza complessa ma per quello che riguarda il lavoro dipendente, questa è una finanziaria contro i giovani, contro le donne". Per Re David inoltre "sulle pensioni non è stato accennato nulla". Lo spazio per il dialogo sembra essere finito. "Noi abbiamo provato il dialogo per settimane, poi governo ha scelto di convocarci quando già aveva deciso".

La nota dei sindacati

"Venerdì scorso, la Cgil, e questa sera, la Uil - è scritto in un comunicato -, hanno riunito i propri singoli organismi statutari per una valutazione sulla manovra economica varata dal Governo. Pur apprezzando lo sforzo e l'impegno del premier Draghi e del suo Esecutivo, la manovra è stata considerata insoddisfacente da entrambe le organizzazioni sindacali, in particolare sul fronte del fisco, delle pensioni, della scuola, delle politiche industriali e del contrasto alle delocalizzazioni, del contrasto alla precarietà del lavoro soprattutto dei giovani e delle donne.

Inoltre si denuncia "la non autosufficienza, tanto più alla luce delle risorse, disponibili in questa fase, che avrebbero consentito una più efficace redistribuzione della ricchezza, per ridurre le diseguaglianze e per generare uno sviluppo equilibrato e strutturale e un'occupazione stabile".

Pertanto, continuano le due sigle sindacali, "avendo ricevuto dai propri rispettivi organismi il mandato pieno a dare continuità alla mobilitazione, le Segreterie confederali nazionali di Cgil e Uil hanno proclamato lo sciopero generale di 8 ore per il prossimo 16 dicembre, con manifestazione nazionale a Roma e con il contemporaneo svolgimento di analoghe e interconnesse iniziative interregionali in altre 4 città". 

Alla manifestazione di Roma, che si svolgerà in Piazza del Popolo, interverranno anche i due segretari generali, Maurizio Landini per la Cgil e Paolo Bombardieri per la Uil.