Tiscali.it
SEGUICI

Eppur si muove. La Commissione Ue mette per scritto quattro mosse per bloccare i prezzi

Oggi e domani il vertice informale di Praga, quindi senza decisioni ufficiali. Saranno però prese decisioni in vista del vertice del 20-21 ottobre. I tre diversi price cap du Ursula. E già soldi nel RePower Ue, il capitolo del Next generation Eu sull’energia.

Claudia Fusanidi Claudia Fusani   
La presidente della Commissione Ue, Von der Leyen (Ansa)
La presidente della Commissione Ue, Von der Leyen (Ansa)

La differenza è in una parola: non più studiare ma agire. E per la prima volta alla vigilia di un vertice Ue cè ottimismo tra i tecnici italiani che seguono i dossier circa la possibilità che finalmente saranno assunte decisioni per calmierare il prezzo del gas.  Dopo nove mesi di richieste e suggerimenti - la prima volta volta se ne parlò nellultimo consiglio Ue del 2021 - e rimbalzi al prezzo del gas che hanno raggiunto i 350 euro per chilowattora (da dieci giorni siamo intorno ai 160), essere ottimisti può sembrare poca cosa, se non un insulto rispetto allemergenza in corso: 300 mila aziende a rischio chiusura entro la fine dellanno; aumenti per famiglia fino a 2000 euro (stime Assoutenti); la rabbia sociale in piazza dove il movimento #iononpago  organizza manifestazioni in tutta Italia per invitare a non pagare le bollette. Eppure stare attaccati a quella parola è la premessa di novità sostanziali.

A un passo dal caos europeo

La Ue dunque fa una prima, vera mossa sul tetto al prezzo del gas. Ad una manciata di ore dal vertice nel Castello di Praga. Con gli occhi di tutti puntati sul baratro del caos, rappresentato dalla frammentazione del mercato interno Ue certificato proprio dal cancelliere Scholtz che ha rotto ogni patto mettendo a disposizione dei tedeschi 200 miliardi. Una scelta che ha messo in forte imbarazzo Ursula von der Leyen e il suo stesso ruolo. Ne ha offuscato, potremmo dire, quanto fatto finora.

Nella lettera preparata prima del summit Ursula von der Leyen abbandona la parola studiare e la sostituisce con agire. Le direzioni indicate sono quattro e tre di queste contemplano una sorta di price cap. Nel primo caso si tratta di un tetto negoziato con i fornitori, nel secondo di una limitazione dei prezzi legati all'indice Ttf del mercato di Amsterdam, nel terzo di un cap al prezzo del gas che determina il costo, altissimo, dellelettricità.

L'Ue quindi si muove ma non si devono alimentare illusioni: i tempi per vedere le conseguenze di queste decisioni sul valore delle bollette non saranno rapidissimi. Chi si aspetta conseguenze immediate resterà deluso. Si calcolano almeno due, tre mesi per vedere gli effetti sulle bollette. Tutto questo perché sul price cap l'Europa è ancora spaccata sostanzialmente in due fazioni. La prima sostiene di poter agire a livello nazionale sul prezzo, senza intaccare quelli di importazione in Ue. Si tratta, in sostanza, dei Paesi che hanno elevato spazio di bilancio, Germania in testa. Dall'altra parte c'è chi sostiene la messa a punto di un cap comune: sono i Paesi ad altro debito, che non possono certo mettere sul tavolo i duecento miliardi dello scudo tedesco. E che, nel caso il caro bollette non si fermi, rischiano danni alle loro industrie più energivore, con conseguenze che andrebbero ben oltre i confini nazionali.

Difficile quindi arrivare allintesa a Praga, nonostante due videoconferenze dei ministri europei dell'Energia che hanno avuto luogo mercoledìPotremmo dire che alle luce delle spaccature emerse e considerati i muri alzati ad ogni Consiglio Ue in questi mesi, Bruxelles tenta di procedere con il metodo a tappe: dopo una prima discussione al vertice dei leader di venerdì, Palazzo Berlaymont proverà a disegnare una proposta da portare al Consiglio europeo del 20 e 21 ottobre.

Tre diversi price cap

Il vertice di Praga, è informale, non prevede decisioni ufficiali e neppure una dichiarazione finale su modello di quella che invece concluse il summit di Versailles a marzo: il tempo è poco e gli argomenti da affrontare sono troppo urgenti per negoziare su ogni parola da mettere in una dichiarazione ufficiale (che ha il peso dellimpegno ufficiale). A Praga allordine del giorno ci sono anche la guerra in Ucraina, il sostegno militare a Kiev e linflazione che sta mettendo in ginocchio lEuropa. E chiaro che tutta lattenzione è sul gas e energia che pesano sullinflazione almeno per la metà. Le parti in campo sono ormai note: Italia e Francia guidano una coalizione di 15 Stati membri e sono  a favore di un tetto al prezzo di tutto il gas importato in Ue. Un intervento osteggiato invece da Paesi del peso politico della Germania e dei Paesi Bassi (ma anche della stessa Commissione europea) che temono rischi per lapprovvigionamento. La differenza, questa volta, è la lettera di Ursula von der Leyen ai leader dei 27 paesi.

Nella sostanza contiene una roadmap sulle iniziative da discutere e che l'Ue potrebbe adottare per far fronte all'aumento dei prezzi. Von der Leyen indica i negoziati con i partner affidabili dell'Ue (Norvegia e Usa) con cui dar vita a corridoi di prezzi per ridurre i costi delle forniture da parte di questi partner. Unaltra misura è la  piattaforma per gli acquisti congiunti di energia per evitare ancora più frammentazione. Si ipotizzano anche ulteriori finanziamenti al piano 'RepowerEu' per l'indipendenza energetica dalla Russia, in pratica un nuovo capitolo del Next generation Eu aggiunto proprio mesi fa alla luce dell'emergenza energetica e il cui regolamento è stato approvato in questi giorni da Ecofin. Repower al momento ha 300 miliardi da dividere tra i 27. Troppo pochi, senza dubbio. Von der Leyen ipotizza infatti un maggior budget.

Nelle stessa lettera la presidente conferma il lavoro della Commissione su due diverse tipologie di tetto al prezzo del gas, che dovrebbero essere discusse dai leader: un tetto al prezzo del gas usato per la produzione di energia elettrica, dal momento che i prezzi elevati del gas stanno determinando i prezzi elevati dellelettricità  si legge nella lettera; e un tetto temporaneo al prezzo del gas scambiato dentro la Ue in relazione al mercato di riferimento (Ttf di Amsterdam) in un modo che continui a garantire la fornitura di gas all'Europa e a tutti gli Stati membri e che dimostrerebbe che l'Ue non è pronta a pagare qualunque prezzo per il gas. In pratica un tetto solo per il gas scambiato internamente all'Europa, non quello importato in Ue e soprattutto non solo quello russo. Quest'ultimo intervento dovrebbe essere temporaneo in attesa dell'introduzione di un nuovo parametro di riferimento complementare al Ttf che sia più rappresentativo del mercato energetico europeo di oggi, in cui sono aumentate le forniture di Gnl. Tutto questo, si precisa sempre nella lettera, anticiperà la riforma strutturale del mercato elettrico (che dovrebbe arrivare entro fine anno).

Stop alla borsa di Amsterdam

Nel mirino sembra destinato a finire anche l'indice Ttf. Von der Leven, nella lettera, afferma che non è più rappresentativo e che l'Ue paga troppo il suo gas". Ecco che, in vista della non facile istituzione di un nuovo benchmark complementare, lUe lavorerà alla limitazione dei prezzi legati al Ttf. Per l'Italia si tratta di un notevole passo avanti, sebbene un po tardivo. Meno soddisfacente, per Roma, è l'idea di un price cap solo al gas che ha un impatto sul prezzo dell'elettricità: si tratta, in sostanza, del modello di decoupling di Spagna e Portogallo. Con un'appendice: chi paga il differenziale tra il prezzo amministrato e quello di mercato? Complessa anche la messa a punto di un price cap solo agli scambi di gas interni allUe. Nel breve periodo, un tetto negoziato con i fornitori come Norvegia, Algeria e Usa potrebbe essere la mossa che dà conseguenze immediate. Sugli stock comuni, che dovrebbero passare da volontari a obbligatori, si osserva che la misura attuale, su base volontaria, non essendo stata coordinata, potrebbe aver provocato un aumento dei prezzi. Serve, insomma, un serio coordinamento e guai a fare da soli. Come ha fatto proprio Berlino mettendo sul tavolo quei 200 miliardi. Da notare, incidentalmente, che domenica  si vota in Bassa Sassonia. E un test fondamentale per la coalizione Spd-Verdi-liberali al governo. Difficile che Scholtz faccia o dica qualcosa di impopolare da qui a domenica.

La destra italiana fa mancare i voti in Europa

Questo il quadro della situazione a Praga avendo già gli occhi puntati a Bruxelles. Intanto però succedono sempre cose strane, diciamo cosìPatrizia Toia, vicepresidente della Commissione Industria ed Energia al Parlamento Europeo e Brando Benifei, capodelegazione eurodeputati PD ieri hanno denunciato il voto contrario di Fratelli dItalia e Lega su proposte di price cap. Un chiaro tetto al prezzo del gas, il disaccoppiamento dei prezzi tra elettricità e gas e il blocco di azioni speculative sui prezzi. Queste erano le nostre proposte e su cui il Parlamento Europeo si è espresso con una risoluzione molto ambiziosa alla vigilia del Consiglio Europeo straordinario di Praga. Ma sull'urgente disaccoppiamento del prezzo dell'elettricità da quello del gas sono mancati i voti della destra italiana di Fratelli d'Italia e di Forza Italia. Eppure Giorgia Meloni, che ieri ha accusato il governo Draghi di essere indietro sul Pnrr ma è stata smentita dati alla mano e soldi in cassa, da giorni ripete che abbassare il prezzo del gas è la priorità numero 1.

Claudia Fusanidi Claudia Fusani   

I più recenti

Consiglio Ue proroga Campa come presidente dell'Eba
Consiglio Ue proroga Campa come presidente dell'Eba
##G20 Finanze a San Paolo, crescita rallenta e inflazione in calo
##G20 Finanze a San Paolo, crescita rallenta e inflazione in calo
Il petrolio chiude in rialzo a New York a 77,51 dollari
Il petrolio chiude in rialzo a New York a 77,51 dollari
Edison avvia esclusiva con Snam per cedere E. Stoccaggio
Edison avvia esclusiva con Snam per cedere E. Stoccaggio

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...