Piazza Affari chiude in netto calo (-2,47%), perso il 22% nel semestre

Piazza Affari chiude in netto calo (-2,47%), perso il 22% nel semestre
di Askanews

Milano, 30 giu. (askanews) - Chiusura in netto calo per Piazza Affari, maglia nera in Europa, in un contesto comunque di vendite generalizzate sui mercati europei e americani, preoccupati dallo spettro recessione con le banche centrali impegnate a domare l'inflazione. A Milano l'indice principale Ftse Mib ha perso il 2,47% scivolando a 21.293,86 punti. Mentre i mercati globali si avviano a chiudere il peggior semestre di sempre, con Wall Street che viaggia verso il maggior calo dal 1970, il bilancio della prima parte del 2022 è pesante anche per Piazza Affari: -22% la performance.A trascinare al ribasso il listino milanese i titoli bancari affondati dalle parole del presidente del Comitato di Vigilanza bancaria della Bce, Andrea Enria, che ha dichiarato che, di fronte alla possibilità di scenari più avversi su crescita economica e inflazione, verrà proposto alle banche di ricalcolare i loro previsti livelli patrimoniali e di usare il ricalcolo per definire i piani di distribuzione degli utili, quindi per stabilire i dividendi. Unicredit ha lasciato sul terreno il 5,26%, Intesa Sanpaolo il 5,12%, Bper il 3,92%.