Moscovici: Francia e Italia una contro l'altra sarebbe assurdo

Moscovici: Francia e Italia una contro l'altra sarebbe assurdo
di Askanews

Bruxelles, 11 feb. (askanews) - Il commissario europeo agli Affari economici e finanziari, Pierre Moscovici, è tornato sulle tensioni tra Francia e Italia rispondendo a Bruxelles, al suo arrivo all'Eurogruppo, ai giornalisti che gli chiedevano che cosa si debba fare per ripristinare relazioni amichevoli fra i due paesi."Io sono qui soprattutto come commissario Ue, ma naturalmente - ha risposto Moscovici - la mia nazionalità è francese e non lo dimentico. Ma quando sei nella mia posizione devi agire con molta, anzi con totale obiettività". Comunque, ha proseguito, "per coloro che possono temere che ci sia una una certa aggressività da parte della Francia o del commissario francese verso l'Italia, ricordo che, al contrario, io sono stato tra coloro, e forse il primo, che hanno agito in modo da evitare una procedura di deficit eccessivo", e questo "nell'interesse di entrambi, dell' Ue e dell'Italia, perchè conflitti tra Roma e Bruxelles sarebbero stati insensati e perchè si sarebbe creata una crisi dal nulla che sarebbe stato terribilmente dannosa"."Insomma - ha aggiunto il commissario - credo in un dialogo virtuoso, anche fra controparti che non credono nelle stesse cose e non si comportano allo stesso modo, e penso che questo potrebbe essere atteggiamento ragionevole dialogo anche fra interlocutori che possono essere molti diversi"."Francia e Italia - ha sottolineato Moscovici - non possono avere crisi fra loro: dobbiamo rispettarci reciprocamente perché la nostra storia, la nostra cultura, la geografia, le nostre economie sono così interconnesse, perchè siamo cugini, perché siamo legati da una così intensa amicizia. Allora, lo ripeto, torniamo alla ragione, Francia e Italia hanno bisogno di muoversi insieme, non l'una contro l'altra: sarebbe solo sciocco e assurdo. Perciò - ha concluso il commissario - dobbiamo sempre avere pieno rispetto reciproco, e penso anche parole che riflettano questo" rispetto.