Tiscali.it
SEGUICI

Molinari (Tagliacarne): le medie imprese sono più reattive alle crisi

di Askanews   
Loading...
Codice da incorporare:

Modena, 25 giu. (askanews) - Le imprese di piccola e media dimensione sono "più reattive" nei momenti di crisi e riescono a "crescere" in maniera maggiore rispetto alla aziende più grandi. Ma per gli investimenti in ricerca e sviluppo "hanno più difficoltà" e "sono più penalizzate". E' quanto emerge nel Rapporto sulle medie imprese industriali italiane e nel Report "La competitività delle medie imprese tra percezione dei rischi e strategie di innovazione" realizzati da Mediobanca, dal Centro Studi Tagliacarne e da Unioncamere presentati a Modena. Lo studio, come ha spiegato il presidente del Centro Studi Tagliacarne, Giuseppe Molinari, è un servizio che viene offerto alle istituzioni chiamate a governare i fenomeno socio-economici del futuro.

"Le medie imprese - ha spiegato Molinari - sono molto resilienti. Il cluster di imprese su cui si concentra lo studio di Mediobanca sta avendo molta più capacità di reazione e di crescita delle imprese grandi, quindi si dimostra che tutto sommato 'piccolo è ancora bello' ma lo è perché le imprese sono a conduzione familiare, sanno reagire molto bene, investono e guardano ai mercati esteri. Sull'altro lato della medaglia c'è da notare che le imprese più piccole rispetto a quelle più grandi e strutturate hanno meno capacità di affrontare i costi fissi di inizio e che sono in coda alle attività produttive, costi di ricerca e sviluppo su cui queste aziende subiscono ritardo rispetto alle grandi aziende". Questo tipo di imprese "investono sulle nuove tecnologie, ma hanno una difficoltà maggiore - ha proseguito Molinari -. E anche la tassazione che colpisce le imprese piccole in percentuale è maggiore rispetto alle aziende grandi. Quindi anche su questo c'è un gap che penalizza le imprese di piccole dimensioni". A causa "dell'inverno demografico" si registra "un calo della popolazione, della manodopera e delle persone competenti" disponibili a lavorare in medie imprese. "Per questo motivo abbiamo bisogno di avere un flusso migratorio sano e coerente con le esigenze delle imprese. Su questo bisogna lavorare molto perché ci si gioca il futuro della nostra manifattura" ha concluso il presidente.

di Askanews   
I più recenti
Giappone: inflazione sale al 2,6% in giugno
Giappone: inflazione sale al 2,6% in giugno
Borsa: a Tokyo apertura in ribasso (-0,37%)
Borsa: a Tokyo apertura in ribasso (-0,37%)
Borsa, +6% per Webuild, per analisti ben posizionata per superare stime
Borsa, +6% per Webuild, per analisti ben posizionata per superare stime
##Bce, ipotesi taglio tassi settembre resta subordinata ai dati
##Bce, ipotesi taglio tassi settembre resta subordinata ai dati
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...