Tiscali.it
SEGUICI

Disoccupazione record, eppure ci sono figure professionali che le aziende non riescono a trovare. Ecco quali

Secondo il Rapporto di Unioncamere e Anpal circa 4,5 milioni di contratti di lavoro resterebbero senza coronamento. L’elenco delle figure più ricercate

Ignazio Dessìdi I. D.   
A volte le aziende cercano determinate figure e non le trovano
A volte le aziende cercano determinate figure e non le trovano

Che il nostro sia un Paese dove mancano le occasioni di lavoro è risaputo. Eppure ci sono tanti posti disponibili che non vengono occupati perché manca l'incontro tra domanda e offerta. Capiterebbe in un caso su quattro infatti che le aziende non riescano a reperire sul mercato la figura professionale necessaria. In tal modo resterebbe scoperto ben un quarto dei 4 milioni e mezzo di contratti che sarebbe possibile stipulare. Una vera disdetta in questi tempi di drammatica carenza occupazionale.

La singolare situazione emerge dal Rapporto Excelsior 2018 di Unioncamere e Anpal presentato di recente a Roma. In pratica il 26% degli oltre 4,5 milioni di contratti di lavoro resterebbero senza coronamento.

Cosa serve alle aziende

In ogni caso – come riporta anche Repubblica - sembra che alle imprese servano soprattutto profili qualificati. E’ del 19% la quota dei dirigenti, specialisti e tecnici sul totale delle entrate programmate. Il peso degli ingressi riservati alle professioni non qualificate risulta invece del 15%, nonostante diminuisca di 3 punti percentuali rispetto al passato. Quanto al tipo di competenze diventa sempre più importante il possesso di quelle legate al mondo del digitale e in materia di eco-sostenibilità.

Ma quali sono i profili più ricercati? La graduatoria desta qualche sorpresa. Infatti in testa ci sarebbero gli insegnanti di arte e letteratura. Non si riuscirebbe a trovarne uno, manco a pagarlo a peso d’oro, nel 66% dei casi. I candidati sono pochi o risultano poco adatti. Difficile tuttavia anche trovare ingegneri energetici, meccanici, chimici e  petroliferi, saldatori, agenti assicurativi e immobiliari, idraulici, meccanici, montatori e animatori turistici. Queste professionalità risultano non reperibili in 6 casi su dieci.

Volgendo lo sguardo al prossimo quinquennio, comunque il novero delle professioni richieste,  in nove casi su dieci, include figure con competenze digitali per Industria 4.0, in particolare per Servizi 4.0.

Il fabbisogno – stando al rapporto - prevede inoltre una predilezione per i servizi, specialmente pubblici. Con un particolare ruolo di digital transformation ed ecosostenibilità. Una buona quantità di posti dovrebbero andare agli esperti in analisi dei dati come a quelli in sicurezza informatica, intelligenza artificiale e analisi di mercato. Le filiere trainanti saranno salute e benessere, education e cultura, meccatronica e robotica, mobilità e logistica, energia. Tra le lauree più ricercate quella in medicina. Seguono economia e ingegneria.

I posti mancanti

Tutta questa situazione risulta oltremodo assurda in un momento in cui non cresciamo e si contano circa 3 milioni di disoccupati e 3 milioni di inattivi, in un frangente  in cui il tasso di occupazione si ferma al 58% e risultiamo sotto di 10 punti rispetto ai livelli del resto d’Europa. Il rapporto di Unioncamere, realizzato con l’apporto di Anpal,  prevede che nei prossimi 5 anni  (2019-2023) occorrerà riempire un numero di posti che si aggira sui 2,7 e i 3 milioni. La maggior parte di essi, tra 2,3 e 2,5 milioni – si avverte nel rapporto – riguarderanno però la sostituzione di lavoratori che lasceranno il loro posto per andare in pensione. Questo anche in virtù dell’accelerazione dovuta a Quota 100.

Solo la differenza sarà relativa al numero degli occupati aggiuntivi. In pratica uno 0,3 – 0,5 per cento. Percentuale quindi abbastanza bassa.

Ignazio Dessìdi I. D.   
I più recenti
Orsini: serve Piano casa per alloggi a basso costo, faremo proposte
Orsini: serve Piano casa per alloggi a basso costo, faremo proposte
Orsini, 'al governo porteremo esigenze vere delle imprese'
Orsini, 'al governo porteremo esigenze vere delle imprese'
Sondrio al top per qualità vita bimbi, Trento per anziani
Sondrio al top per qualità vita bimbi, Trento per anziani
Serve una tassa sui super-ricchi, lo 0,1% del patrimonio
Serve una tassa sui super-ricchi, lo 0,1% del patrimonio
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...