Juventus, si dimette tutto il cda su proposta di Andrea Agnelli

Juventus, si dimette tutto il cda su proposta di Andrea Agnelli
di Askanews

Roma, 28 nov. (askanews) - Tutto il consiglio di amministrazione della Juventus si è dimesso su proposta del presidente Andrea Agnelli: ressterà in carica in prorogatio fino all'assemblea convocata per il prossimi 18 gennaio per la nomine di un nuovo consiglio. Lo sui legge in una nota della società calcistica che cita "la centralità e rilevanza delle questioni legali e tecnico-contabili pendenti" sulla cui base i consiglieri riuniti oggi "hanno ritenuto conforme al miglior interesse sociale raccomandare che Juventus si doti di un nuovo Consiglio di Amministrazione".Su proposta di Agnelli "onde consentire che la decisione sul rinnovo del Consiglio sia rimessa nel più breve tempo possibile all'Assemblea degli Azionisti, tutti i componenti del Consiglio di Amministrazione presenti alla riunione hanno dichiarato di rinunciare all'incarico". Ciascuno dei tre amministratori titolari di deleghe (il presidente Andrea Agnelli, il vice- presidente Pavel Nedved e l'amministratore delegato Maurizio Arrivabene) ha ritenuto opportuno rimettere le deleghe. Tuttavia il Cda "ha richiesto a Maurizio Arrivabene di mantenere la carica di amministratore delegato".Il Consiglio - si legge ancora - proseguirà la propria attività in regime di prorogatio sino all'assemblea dei soci che è stata convocata per il 18 gennaio 2023 per la nomina del nuovo consiglio di amministrazione."Juventus continuerà a collaborare e cooperare con le autorità di vigilanza e di settore, impregiudicata la tutela dei propri diritti in relazione alle contestazioni mosse contro i bilanci e i comunicati della società dalla Consob e dalla Procura".