Istat: 12% imprese valuta taglio dipendenti, è preoccupante

Istat: 12% imprese valuta taglio dipendenti, è preoccupante
di Askanews

Roma, 3 lug. (askanews) - E' "preoccupante" e rappresenta un "segnale negativo" il fatto che quasi il 12% delle imprese si orienti verso una "riduzione sostanziale" dei dipendenti; la tendenza tocca però solo il 6 per cento di quelle maggiori. A lanciare l'allarme è l'Istat nel Rapporto annuale.Le misure di contenimento dell'epidemia hanno provocato una "significativa riduzione" dell'attività economica per una larga parte del sistema produttivo: oltre il 70% delle imprese ha dichiarato una riduzione del fatturato nel bimestre marzo-aprile 2020 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente; oltre il 40% ha riportato una caduta maggiore del 50%.I fattori di fragilità sono molteplici. "Il problema del reperimento della liquidità è molto diffuso, i contraccolpi sugli investimenti - segnalati da una impresa su otto - rischiano di costituire un ulteriore freno ed è anche preoccupante che il 12% delle imprese sia propensa a ridurre l'input di lavoro. Tuttavia, si intravedono fattori di reazione positiva e di trasformazione strutturale in una componente non marginale del sistema produttivo".