Ipervox, piattaforma web per applicazioni vocali in pochi minuti

di Askanews

Roma, 30 giu. (askanews) - Si chiama Ipervox la startup accelerata da LVenture Group: una piattaforma web per creare applicazioni vocali in modo facile e veloce che ogni azienda, imprenditore o attività può usare per raggiungere i propri clienti, pubblicandole sull'assistente vocale Amazon Alexa.Il ceo di Ipervox Juxhin Radhima: "Una piattaforma dove puoi caricare un contenuto, associare un comando vocale e pubblicare, integrarlo con piattaforme esterne, creare conversazioni, monetizzare e in futuro vogliamo realizzare e permettere la pubblicazione su tutte le piattaforme vocali esistenti"."Il passo successivo sarà integrare con Google Assistant, Samsung Bixby, ma non nego che c'è interesse ad ampliare anche agli assistenti vocali orientali come Alibaba o Tencent".Non bisogna essere voice design o sviluppatori di software. Il punto di forza di Ipervox è la sua estrema facilità."Immaginatelo come il Wordpress o il Wix della voce, una piattaforma semplice con cui tutti possono creare applicazioni vocali con la stessa semplicità con cui ciascuno di noi può adesso fare una foto e pubblicarla sui social".Ipervox non si rivolge solo a content creator, podcaster, e-commerce. "In futuro l'obiettivo è portare queste soluzioni in ogni attività, dagli hotel che possono realizzare un'esperienza vocale per i clienti, ad attività locali come una lavanderia o un ristorante, fino ad arrivare a player più grandi". Un mercato quello del mondo voice in grande espansione. "Il futuro è frictionless, senza frizioni, dove possiamo interagire con i brand, consumare contenuti e fare acquisti direttamente con la voce".Si prevede che lo shopping basato sulla voce toccherà i 40 miliardi di dollari nel 2022, se si pensa che circa il 50% delle ricerche online sono effettuate utilizzando la voce.