Tiscali.it
SEGUICI

[L’intervista] Savona, il ministro che fa paura a Mattarella: ecco cosa penso dell’euro, dei tedeschi e del M5s

Le posizioni anti Europa del noto economista, candidato da Salvini e Di Maio alla guida dell'Economia, sono note da tempo. Già nel 2012 Savona in una intervista rilasciata a Tiscali Notizie parlò della necessità dell’Italia di “avere un piano B sull’euro” a causa del “complesso di superiorità razziale dei tedeschi”. Netta anche la valutazione sul M5s: “Non è il modo di costruire il futuro del Paese”

Michael Pontrellidi Michael Pontrelli   
Savona: ecco cosa penso dell’euro, dei tedeschi e del M5s
Paolo Savona, 81 anni, è considerato uno dei più autorevoli economisti italiani. E’ stato ministro dell'Industria del governo Ciampi dall'aprile del 1993 allo stesso mese del 1994

La nascita del governo Lega-M5s è in fase di stallo. Più passa il tempo e più è chiaro che il vero ostacolo al varo del nuovo esecutivo non è la nomina dello sconosciuto Giuseppe Conte alla presidenza del Consiglio ma quella di Paolo Savona alla guida del ministero dell’Economia. Il motivo è noto: il capo dello Stato, Sergio Mattarella, non vuole in quel posto chiave una figura anti euro. E che il noto economista lo sia è evidente. “L’euro? È una gabbia tedesca. La Germania ha sostituito la volontà di potenza militare con quella economica. L’Ue? È viziata da innata ingiustizia. Cosa fare? Bisogna ricorrere a un piano B per uscire dall’euro, se fossimo costretti” ha affermato Savona nella sua autobiografia in uscita per l'editore Rubettino. Ma la posizione dello studioso è nota da tempo come emerge da una intervista rilasciata a Tiscali Notizie nel giugno del 2012 quando il governo era guidato da Mario Monti e l’Italia era ancora alle prese con la crisi finanziaria scoppiata l’estate dell’anno precedente. Vista l’attualità riproponiamo integralmente l’intervista per capire meglio il pensiero del ministro dell’Economia proposto dal ticket Salvini-Di Maio al presidente della Repubblica. Giudizi netti non solo sull’Europa e sui tedeschi ma anche sull’allora emergente Movimento 5 stelle.

Professore, Berlusconi ipotizza l’uscita dall’euro. Cosa ne pensa? E’ una strada realmente percorribile? 
“Purtroppo l’Europa sta funzionando male. I meccanismi esistenti avvantaggiano alcuni paesi, Germania in testa, e penalizzano altri tra cui l’Italia. Io non penso che dobbiamo uscire dall’euro, penso però che se non si correggono i difetti dell’Eurozona allora dobbiamo essere pronti ad abbandonare la moneta unica perché se non lo facessimo l’Italia andrebbe incontro ad un degrado progressivo dell’economia analogo a quello della Grecia. Per il nostro bene dobbiamo perciò essere pronti ad avere un piano B che preveda, appunto, l’uscita dell’euro, basato su nuove alleanze internazionali e su una nuova politica di gestione del debito pubblico”. 

In realtà in Europa esiste un largo consenso politico sulla necessità di cambiare i meccanismi esistenti per ridurre il rigore di bilancio e rilanciare la crescita. L’unica che ostinatamente continua ad opporsi a qualsiasi riforma è la Germania. Perché i partner europei non riescono a far cambiare idea alla Merkel? 
“Il cancelliere tedesco fa leva sul fatto che esistono degli accordi sul rigore fiscale sottoscritti dagli altri capi di governo. Mi riferisco per esempio al Fiscal compact che non è stato ancora ratificato dai Parlamenti ma è stato firmato dai leader europei compreso il nostro presidente del Consiglio, Mario Monti. Il problema vero però non è cambiare la Merkel ma cambiare i tedeschi e questo è un compito molto più arduo. In Germania l’opinione pubblica non è disposta a pagare i debiti dei partner europei indebitati perché considera il proprio paese più virtuoso degli altri. E questa è una valutazione culturale che la Germania ha da secoli. Se volessimo usare un termine forte potremmo parlare di superiorità della razza”. 

Mi sembra di capire che lei non è molto ottimista sul futuro dell’Europa.
“Non ho molta fiducia nella possibilità di cambiare i tedeschi ma penso però che l’Europa abbia comunque un grande potere autonomo che può ancora salvare l’euro. Questa forza è la Bce. La Banca centrale in qualsiasi momento e indipendentemente dagli organi politici può decidere di fornire all’economia tutta la liquidità necessaria per salvare l’euro”. 

Diversi economisti affermano però che l’Italia ha ancora molti compiti da fare a casa prima di contare solo ed esclusivamente sull’aiuto della Bce o della Germania. Uno di questi è la vendita dell’immenso patrimonio pubblico che il governo ha appena avviato. Come valuta questa operazione? 
“Da sempre sostengo la necessità di cedere almeno 400 miliardi euro di patrimonio pubblico per abbattere il rapporto debito pubblico-pil sotto quota 100 e portarlo al livello degli altri principali partner europei. Purtroppo però l’annuncio dell’operazione è stato fatto malissimo. Rischiamo di sprecare uno strumento da cui possiamo effettivamente ricavare tanto. E’ fondamentale fare una operazione che convinca il mercato. Aggiungo inoltre che questa operazione è necessaria per non uscire dall’euro ma anche per affrontare una eventuale uscita dalla moneta unica”.

Il governo sta procedendo anche con la tanto attesa spending review. Come valuta gli obiettivi di risparmio posti dall’esecutivo? 
“Sono modestissimi. Anche in questo caso sostengo da tempo la necessità di tagliare tutte le spese pubbliche del 3%, escluso le spese sugli interessi passivi sulle quali abbiamo dei precisi obblighi contrattuali nei confronti dei creditori. La spending review che si sta facendo non raggiunge neanche l’1% della spesa complessiva. E’ un solletico sotto l’ombelico”. 

Torniamo un attimo alle relazioni in ambito europeo da cui, molto probabilmente, dipenderà il futuro dell’euro e dell’Italia. Mario Monti su questo fronte è stato incisivo fino ad ora? 
“Monti ha ristabilito il rapporto con i partner europei che per una serie di motivi Berlusconi aveva perso. Però non credo si possa dire che sia stato incisivo perché fino ad ora abbiamo avuto solamente maggiori vincoli e nessuna opportunità. Ha firmato accordi, come il Fiscal compact, che peggiorano la situazione ma che non danno nessun vantaggio”.

Sul piano interno, come valuta la politica economica del premier? 
“Le rispondo come ho sempre ripetuto a Ciampi quando facevo parte del suo esecutivo: i governi tecnici per la democrazia sono una iattura. Se hanno successo la gente non crede più nella democrazia ma purtroppo la stessa regola vale anche nel caso in cui non abbiamo successo. Credo che questo sia lo spirito dei cittadini italiani nei confronti del governo in questi giorni”. 

Come legge il fenomeno Grillo che ormai, secondo i sondaggi, è il secondo partito italiano?
“Grillo non sta crescendo perché ha un programma che raccoglie il consenso dell’elettorato. Sta crescendo perché sta raccogliendo il dissenso dei cittadini verso i partiti politici esistenti e questo non è il modo di costruire il futuro del Paese”.

Link all'intervista originale

 

 

Michael Pontrellidi Michael Pontrelli   

I più recenti

Salvini: Al lavoro entro 2024 per revisione sistema concessioni
Salvini: Al lavoro entro 2024 per revisione sistema concessioni
Oliveri: Avvio lavori tunnel subportuale Genova frutto grande collaborazione
Oliveri: Avvio lavori tunnel subportuale Genova frutto grande collaborazione
Landini, 'il ponte sullo Stretto non è la priorità'
Landini, 'il ponte sullo Stretto non è la priorità'
Oliveri (Aspi): Piano 2024 prevede assunzione 950 persone
Oliveri (Aspi): Piano 2024 prevede assunzione 950 persone

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...